• Articolo , 27 novembre 2009
  • ETI, la Ricerca a supporto del sistema elettrico in UK

  • L’Energy Technologies Institute (ETI), attraverso un programma mirato, sperimenta nuove tecnologie preposte al miglioramento dell’apparato di trasmissione dell’energia pulita nel Regno Unito

(Rinnovabili.it) – E’ di oggi la notizia del lancio da parte dell’ Energy Technologies Institute (ETI) di due grandi progetti finalizzati ad esaminare la capacità della rete elettrica del Regno Unito per far fronte all’aumento nella produzione di energia da fonte rinnovabile, in forte ascesa.
I due disegni rappresentano il primo passo dell’ annunciato programma “Energy Storage and Distribution Programme”:http://www.energytechnologies.co.uk/Home/Technology-Programmes/Distributed-Energy.aspx promosso dall’ETI, l’organismo pubblico-privato che si occupa di redigere schemi di sviluppo per l’avanzamento delle tecnologie preposte a supporto dell’energia pulita.
La duplice iniziativa va inoltre a conferma di uno studio separato che prevede che, effettivi miglioramenti dei sistemi di gestione della rete elettrica, potrebbero garantire una copertura equivalente al 35% del fabbisogno energetico stabilito nei Piani Nazionali del Regno Unito, esclusivamente da fonti rinnovabili per il 2020.
Il Capo Esecutivo dell’ETI, David Clarke, ha sottolineato la necessità che nuovi approcci debbano essere intrapresi con lo scopo ambizioso di assicurare un rifornimento di energia rinnovabile sufficiente e sicuro per l’intera Nazione.
“Nella stessa misura in cui la quantità della nostra energia generata da fonti rinnovabili è sempre maggiore, dobbiamo esaminare l’impatto (che questa ha) sull’apparato di trasmissione e di distribuzione dell’energia elettrica per garantire che il sistema possa far fronte alle esigenze future”, ha detto Clarke.
“Questi progetti- ha continuato- aiuteranno l’ETI nel prendere decisioni strategiche per lo sviluppo tecnologico e di progetti dimostrativi”.
Il primo dei piani previsti riguarda una connessione offshore che esaminerà le trasformazioni ed i cambiamenti subiti dalla rete inglese relativamente al flusso di energia generata da determinati impianti eolici off-shore e da alcun sistemi di produzione di energia dal mare.
Il secondo, consisterà principalmente in una ricerca approfondita per individuare e valutare le più moderne tecnologie che potrebbero migliorare la trasmissione e la distribuzione dell’energia elettrica del Paese.
In conseguenza di ciò, verranno valutati nuovi sistemi di gestione per l’alimentazione della rete elettrica per facilitarne la trasmissione e relativi programmi per la gestione ed il controllo.