• Articolo , 4 ottobre 2010
  • Etrion conclude l’acquisizione di una centrale elettrica solare in Italia da 33 MW

  • Etrion Corporation, produttore indipendente di energia solare, ha chiuso la seconda ed ultima parte dell’acquisizione, già precedentemente annunciata, della centrale solare di Montalto di Castro dalla statunitense SunPower Corp. Il corrispettivo totale dell’impianto, da 33 MW, è stato di circa 49 milioni di euro. L’impianto di Montalto è attualmente il più grande parco ad esercizio […]

Etrion Corporation, produttore indipendente di energia solare, ha chiuso la seconda ed ultima parte dell’acquisizione, già precedentemente annunciata, della centrale solare di Montalto di Castro dalla statunitense SunPower Corp. Il corrispettivo totale dell’impianto, da 33 MW, è stato di circa 49 milioni di euro. L’impianto di Montalto è attualmente il più grande parco ad esercizio solare in Italia. Marco Northland, amministratore delegato della Società, ha commentato: “Siamo felici di aver portato a termine questa transazione. Ora abbiamo 40 MW di capacità installata in Italia e siamo sulla buona strada per raggiungere una massa critica. Ci aspettiamo di portare beneficio all’economia di settore e aumentare la resa di ognuno di tali progetti implementandone l’efficienza operativa. In un breve tempo, Etrion è diventato uno dei più grandi produttori di energia solare in Italia “. Dai 33 MW della centrale solare si dovrebbero produrre oltre 55 milioni di chilowattora (KWh) di energia elettrica e guadagnare circa 22 milioni di euro l’anno.
Nell’acquisizione sono previsti due progetti entrambi nella regione Lazio. Il primo progettoda 24 MW ed è stato collegato alla rete nel Novembre 2009. Il secondo progetto da circa 9 MW ed è stato collegata alla rete nel mese di agosto 2010. Entrambi sono impianti fotovoltaici a terra che utilizzano moduli fotovoltaici SunPower ad alta efficienza.
Nei 24 MW del progetto è previsto un accordo con la Société Générale, Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo (Gruppo Intesa Sanpaolo) e la WestLB per 107 milioni di euro. La partecipazione di Société Générale nel finanziamento è in parte garantita dalla SACE, l’agenzia italiana di credito all’esportazione. I 9 MW progetto ha un accordo con Barclays per 40 milioni di euro.