• Articolo , 13 giugno 2011
  • ETS, la Grecia si tuffa nel mercato dei crediti di carbonio

  • Mercoledì verrà messo all’asta nella Borsa di Atene un pacchetto da un milione di crediti di carbonio, con la previsione di riuscire a vendere, entro la fine dell’anno, 10 milioni di crediti per le emissioni

(Rinnovabili.it) – La Grecia potrebbe guadagnare fino a 170 milioni di euro e risanare parte del bilancio puntando sul *commercio delle quote di emissioni di gas serra*. A rivelare la previsione un rapporto rilasciato ieri dal quotidiano ellenico Eleftherotypia annunciando che la prima asta per la vendita di un pacchetto da un milione di quote di emissioni (EUA) si terrà mercoledì prossimo, 15 giugno, giorno in cui molte delle fabbriche greche chiuderanno per scioperare contro parte delle misure economiche annunciate dal governo.
Nel frattempo la Borsa di Atene, che si occuperà di assistere la vendita al fianco del Ministero dell’Ambiente ha rivelato che, secondo le previsioni, il commercio dei crediti arriverà a toccare quota 10 milioni entro la fine dell’anno, al prezzo di 17 euro per tonnellata di CO2. Per i mesi a venire le aste si terranno, ha comunicato la Borsa, ogni mercoledì del mese, eccezion fatta per agosto e dicembre.
“Una quota di credito di carbonio dà la possibilità al proprietario di un impianto localizzato nell’Unione Europea il diritto di emettere una tonnellata di CO2 nell’atmosfera durante un periodo stabilito” ha dichiarato un portavoce della Borsa.