• Articolo , 7 febbraio 2011
  • eVelotaxi, la mobilità sostenibile viaggia su tre ruote

  • Per ribadire la funzionalità dei veicoli alternativi la proposta di taxi a tre ruote a pedalata assistita sta trovando il favore degli italiani anche se, a causa di una restrizione normativa, ne è vietata la libera circolazione su strada

(Rinnovabili.it) – Un risciò a 3 ruote a pedalata assistita, questa la sostanza del nuovo mezzo di trasporto 100% ecologico presentato dalla Veloform Media Gmbh in Italia. Presente ormai in 120 città di 53 paesi *eVelotaxi*, questo il nome del velocipede, fa parte di un progetto atto alla valorizzazione e alla diffusione di sistemi alternativi di mobilità a basso impatto ambientale. Grazie alla possibilità di istallare moduli fotovoltaici e di posizionare una batteria al litio per l’alimentazione del veicolo l’ecotaxi a pedali oltre a non inquinare si ripaga da solo, mediante l’affissione sul retro della cabina di guida di pubblicità che acquistano visibilità durante i tour e gli spostamenti in città.
“Era ora di affiancare al nostro CityCruiser un grande fratello completamente elettrico che segue il modello _pubblicità in movimento_, il cui successo ha superato le nostre più rosee aspettative” ha dichiarato Anselm Franz, direttore della Veloform.
Il risciò, in grado di portare in totale tre persone, in Italia trova non molto spazio a causa della normativa che ne impedisce la libera circolazione, al contrario di città come Berlino e altri paesi europei, ad eccezion fatta per eventi speciali o campagne promozionali. A ribadire il concetto Gianluigi Barone, amministratore delegato della Ri-Show, società Milanese proprietaria dei VeloLeo, ”Il nuovo Codice della Strada, infatti, non considera i VeloLeo tricicli (intesi unicamente come veicoli a motore) ma velocipedi, escludendoli dalla possibilità di svolgere il noleggio con conducente”.