• Articolo , 20 gennaio 2011
  • Fiper, in Senato per supportare lo sviluppo della biomassa

  • E’ stata ricevuta ieri in Senato una delegazione della Federazione dei produttori di energia da fonti rinnovabili. Discutendo in merito all’attuazione del Decreto Rinnovabili i rappresentati Fiper hanno sostenuto la necessità di supportare maggiormente il comparto biomassa

(Rinnovabili.it) – Continuano le audizioni in Senato per le delegazioni delle associazioni italiane delle rinnovabili. Insieme ad Assosolare ieri è stata la volta di Fiper, la Federazione italiana dei produttori di energia da fonti rinnovabili che si è presentata presso la Commissione Industria, Commercio e Turismo per discutere circa l’attuazione della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili.
Le proposte presentate dalla Federazione hanno interessato la progettazione di reti di teleriscaldamento a biomassa, oltre all’avvio della filiera del biometano, ricordando come prendere in esame quanto è stato possibile sfruttando i meccanismi di incentivazione in termini di fonti sostituite, di risorse assorbite, di ricadute occupazionali e di sviluppo dei territori, ha commentato Walter Righini, presidente Fiper.
Secondo quanto sostenuto dalla Federazione la biomassa, insieme alle fonti energetiche non programmabili, tra cui eolico e solare, renderebbe possibile il miglioramento dell’approvvigionamento energetico incrementando e differenziando le fonti pulite. Con l’intenzione di produrre calore ed energia da biomassa, ricorda Fiper, il settore ha bisogno di aiuti e di finanziamenti che facilitino e rendano meno onerosa la ricerca e l’acquisto della materia prima, come ad esempio i trucioli di legno, meglio conosciuti come cippato, utilizzato per alimentare gli impianti di teleriscaldamento.
Sostenere il settore sarebbe, secondo la delegazione delle rinnovabili ascoltata in Senato, un’ottima soluzione per aumentare gli impieghi green concentrati nella produzione di energia e calore a basso impatto ambientale.
“Ci auguriamo che i Decreti attuativi riprendano le indicazioni espresse durante l’Audizione e che le imprese possano operare in un quadro di riferimento chiaro e stabile per essere protagoniste e all’avanguardia europea nella produzione di energia termica ed elettrica dalla biomassa” ha commentato Righini, soddisfatto dell’interesse dimostrato dai senatori durante l’audizione.