• Articolo , 18 dicembre 2007
  • “Forma Impatto e Sostenibilità, il futuro dell’architettura contemporanea”

  • A Padova un’occasione di confronto che coinvolge Istituzioni, professioni e mondo produttivo, per parlare di innovazione, opere, futuro delle città. Lo scopo è quello di velocizzare il tempo di adozione delle innovazioni e per accelerare il raggiungimento di importanti obiettivi di risparmio energetico e di sostenibilità negli edifici

“L’innovazione premia”? A questa domanda si cercherà di rispondere oggi all’Università degli Studi di Padova. Durante la conferenza “Forma Impatto e Sostenibilità, il futuro dell’architettura contemporanea”. Il convegno, promosso dall’Associazione Innovia, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica Tecnica dell’Università, valuterà cosa attualmente significhi innovare la città, ideare opere nuove per nuove esigenze, cogliere la sfida del contemporaneo, applicando nuove strategie e tecnologie di risparmio energetico per costruzioni eco-compatibili. Per l’occasione sarà presentato il progetto multimediale di promozione Archivisione, che attraverso una serie di eventi metterà a confronto i protagonisti dell’innovazione in architettura, in economia e nella cultura coinvolgendo progettisti, aziende e committenti. La giapponese Sanyo sarà presente alla Conferenza presentando una particolare tecnologia per la climatizzazione che, oltre a produrre raffrescamento e riscaldamento, permette di ottenere “gratis” acqua calda per i sanitari ed energia elettrica per l’illuminazione di servizio negli edifici (impiegate già nel palazzo della Regione Lazio e la sede regionale laziale delle Banche di Credito Cooperativo). Altra presente sarà la padovana Isoclima, leader mondiale nella produzione di vetri curvi per l’architettura, con le ultime novità: Isolite, un vetro a cristalli liquidi che da trasparente diventa opalino e Magiclite, che al suo interno contiene led luminosi che si accendono senza l’utilizzo di filamenti elettrici. L’evento, che si terrà dalle ore 10.00 presso l’Aula Magna Galileo Galilei, ha ricevuto il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, dell’Università di Padova, della Provincia e del Comune di Padova, della Camera di Commercio, della Federazione degli Ordini degli Architetti del Veneto, dell’Ordine degli Architetti P.P. e C. e del Forum delle Professioni Intellettuali. (fonte Rinnovabili)