• Articolo , 13 ottobre 2009
  • Forum di Monaco: focus sull’efficienza energetica

  • David Myers, del Building Efficiency di Johnson Controls, esorta le imprese e le istituzioni governative nonchè i privati, a fare scelte che d’ora in poi si preoccupino in gran misura degli aspetti sostenibili ed energetici, vitali per i cambiamenti del clima

(Rinnovabili.it) – “I risultati della Conferenza di Copenaghen saranno uno dei temi centrali del primo incontro del Forum ad Aprile 2010”. Con queste parole H.E. Bernard Fautrier, vice presidente e CEO di Prince Albert II of Monaco Foundation ha inteso sottolineare la cruciale importanza del prossimo evento che si terrà nel Principato di Monaco nell’Aprile 2010.
Lo Europe and Mediterranean Energy Efficiency & Climate Change Forum, è difatti l’evento che renderà lo stato di Monaco, il punto di un incontro strategico tra decisori politici, portatori di interesse ed esperti leader del settore, per discutere delle note problematiche relative alla sfera ambientale e del bisogno di una sostenibilità che si riveli passo passo rivelatrice di soluzioni, specie in un area di settore importante come lo è quello dell’ edilizia.
Grazie al sodalizio tra Johnson Controls, Inc. (NYSE:JCI), esperto rifornitore di soluzioni, servizi e prodotti per ambienti sicuri e sostenibili, da un punto di vista non solo energetico, e la The Prince Albert II of Monaco Foundation, associazione che si occupa di diffondere il sostegno e l’azione ambientale a livello globale, specie delle zone disagiate, del bacino del Mediterraneo e dei Poli, la manifestazione nella città monegasca “ci darà l’opportunità di riunire i migliori esperti, i policy makers e gli utenti, per passare rapidamente dal dibattito sull’efficienza energetica e sul cambiamento climatico all’azione”, ha detto H.E. Bernard Fautrier.
Tutto ciò, avverrà con lo scopo primo di incoraggiare la diffusione dell’efficienza energetica, attraverso soprattutto la semplificazione dagli ostacoli tipici della burocrazia, e incentrando l’attenzione sull’ambito immobiliare e su quello della costruzione degli edifici. Quest’ultimi sono un ottimo esempio della potenziale trasformazione che, le applicazioni dell’innovazione protesa alla sostenibilità ambientale, li renderebbe altamente efficaci , fino a” ridurre i consumi energetici del 20/30% utilizzando le tecnologie già oggi disponibili per gestirli in modo più efficiente” ha dichiarato David Myers, a capo della Building Efficiency di Johnson Controls. “Un’applicazione più vasta di tali soluzioni – ha continuato a spiegare Myers – potrebbe avere un impatto ancora maggiore, sia sui consumi sia sulle emissioni di gas serra. Un’opportunità così grande e così immediata a nostra disposizione dovrebbe farci sentire l’urgenza di coglierla: useremo il Forum per far comprendere questa necessità e per aiutare a formulare politiche che incoraggino la rapidità d’azione”.