• Articolo , 5 gennaio 2008
  • Fossano – “Il sole a scuola” dà energia

  • Il Ministero dell’Ambiente ha assegnato un contributo di 3.350 euro al Comune di Fossano per la realizzazione di un impianto fotovoltaico di 2 Kwp sulla scuola media Sacco-Boetto-Paglieri, sede di via Dante. Il finanziamento è frutto della partecipazione al bando di concorso “Il sole a scuola”, presentato per conto del Comune dallo Studio di Ingegneria […]

Il Ministero dell’Ambiente ha assegnato un contributo di 3.350 euro al Comune di Fossano per la realizzazione di un impianto fotovoltaico di 2 Kwp sulla scuola media Sacco-Boetto-Paglieri, sede di via Dante. Il finanziamento è frutto della partecipazione al bando di concorso “Il sole a scuola”, presentato per conto del Comune dallo Studio di Ingegneria Pietro Ferrero, che ha ottenuto la valutazione positiva della Commissione tecnica competente.
I pannelli fotovoltaici verranno installati nel corso del 2008 e saranno affiancati – come previsto dal bando – da un’attività didattica della Scuola per sensibilizzare gli studenti al risparmio energetico.
Il costo complessivo dell’intervento ammonta a 17.391,40 euro. Si prevede che la spesa sostenuta verrà ammortizzata in otto anni, grazie non solo ai risparmi assicurati dall’utilizzo dell’energia prodotta dall’impianto a servizio della scuola, ma anche all’incentivo ventennale di 0,44 euro per ogni kilowatt ora prodotto che permetterà addirittura di realizzare degli utili dall’ottavo al ventesimo anno.
Il bando emanato dal Ministero dell’Ambiente metteva a disposizione 4.700.000 euro per tutto il territorio nazionale. Le domande pervenute sono state circa 600, una quarantina delle quali da Comuni del Piemonte. In provincia di Cuneo hanno ottenuto il finanziamento soltanto i Comuni di Fossano, Genola, Sant’Albano e Trinità, tutti con progetti presentati dallo Studio Ferrero.
“La notizia del contributo è per noi motivo di grande soddisfazione – commenta l’ing. Pietro Ferrero – anche perché va a premiare il lavoro di squadra svolto insieme dalle Amministrazioni comunali di Fossano, Genola, Trinità, Sant’Albano Stura e dai dirigenti degli istituti scolastici coinvolti nel progetto, ovvero la vice preside Vera Tomatis per la Scuola Media Sacco-Boetto-Paglieri di Fossano e la preside Annita Olivero per l’Istituto Comprensivo di Bene Vagienna. La nostra soddisfazione è ancora più grande se si tiene conto del carattere fortemente innovativo del bando, che coniuga l’aspetto eminentemente progettuale (con tutti i benefici del caso in termini economici e ambientali) con quello didattico e divulgativo: infatti, l’attività prevista per scuole, oltre a risultare formativa per gli studenti, porterà alla redazione di un opuscolo informativo realizzato per le famiglie, con l’indicazione di comportamenti ‘efficienti’ da esportare anche nella vita domestica”.
La duplice valenza del progetto viene sottolineata anche dall’assessore alla Scuola Maurizio Bergia. “Abbiamo scelto la sede di via Dante – commenta – perché era il sito immediatamente disponibile. Ciò non toglie, tuttavia, che ulteriori investimenti verranno effettuati anche per altri edifici pubblici cittadini, come segnale di attenzione verso l’ambiente da parte dell’Amministrazione comunale, nella speranza che sempre più anche i privati cittadini concorrano a favorire l’installazione, presso le loro abitazioni, di impianti per la produzione di energia ‘pulita’”.