• Articolo , 15 dicembre 2009
  • Fotovoltaico 2009-2020: l’Italia avanza, la Spagna perde terreno

  • L’Europa Meridionale sotto l’occhio attento dell’Emerging Energy Research, che dalle pagine del suo nuovo studio ne traccia un quadro di sviluppo per il 2020

(Rinnovabili.it) – La crisi finanziaria internazionale non sembra aver ingrigito le previsioni dell’industria del fotovoltaico dell’Europa Meridionale, che per i prossimi anni dovrebbe poter registrare consistenti progressi. A rivelarlo il rapporto di Emerging Energy Research (EER) “Southern Europe Solar PV Markets and Strategies: 2009-2020”, nuovo studio che affronta i fattori chiave che guidano la penetrazione solare fotovoltaica area mediterranea e gli attori che plasmeranno un panorama di settore competitivo. Le previsioni formulate dall’EER indicano per il mercato sud-europeo, che le prospettive di crescita a lungo termine, con 38 GW di nuovi progetti previsti entro il 2020, contribuiranno ad elevare il mercato a livello mondiale nel prossimo futuro. Si stima che l’Europa meridionale rappresenti circa il 25% della crescita del 2009 nel Continente subito dietro la Germania, leader del mercato con la sua quota del 67%. Lo sviluppo in scala porterà a fine 2020 a 47 GW di capacità su tutto il territorio in questione; cifra ancor più significativa se si considera che ad oggi risultano installati solo 9 GW.
“Elemento chiave per tale crescita è una maggiore chiarezza normativa in materia feed-in tariffs, obiettivi nazionali a lungo termine dedicati al fotovoltaico, e prezzi dell’energia elettrica volubili”, si legge nel rapporto.
Per l’EER nel breve termine sarà proprio l’Italia a dimostrarsi il più forte tra i mercati meridionali. “Il robusto Conto Energia ha acceso il mercato fotovoltaico italiano ed ha attirato l’attenzione degli attori della supply chain. Un numero crescente di società nazionali e internazionali stanno modificando in scala le loro attività per far progredire i segmenti industriali dedicati al fotovoltaico integrato e a terra”.
La Spagna, il più grande mercato fotovoltaico a livello mondiale nel 2008 con 2,8 GW installati, perderà invece terreno concludendo il 2009 con soli 125 nuovi megawatt, a causa delle revisioni del governo al regime PV FIT lo scorso anno.
Se la Grecia è ancora rallentata da ostacoli burocratici cresce invece la Francia che. con la formalizzazione della normativa di incentivazione a settembre di questo anno, è diventato probabilmente il più promettente mercato dell’Europa meridionale. Le stime in tal senso prevedono che il Paese raggiunga a Francia 6,25 GW di potenza fotovoltaica entro il 2020, affidando il ruolo da protagonisti a questa espansione ai fornitori di film sottile.