• Articolo , 11 marzo 2009
  • Fotovoltaico, arriva “Sole in Tuscia”

  • Al termine di un iter burocratico veloce e allo stesso tempo snello, a partire da questo mese il Comune di Acquapendente darà inizio alla cosidetta fase di start-up, programma ambientale di energie rinnovabili denominato “Sole in Tuscia”. Con l’approvazione dell’ apposita delibera della giunta comunale, è stata infatti inaugurata la fase di realizzazione preliminare di […]

Al termine di un iter burocratico veloce e allo stesso tempo snello, a partire da questo mese il Comune di Acquapendente darà inizio alla cosidetta fase di start-up, programma ambientale di energie rinnovabili denominato “Sole in Tuscia”.
Con l’approvazione dell’ apposita delibera della giunta comunale, è stata infatti inaugurata la fase di realizzazione preliminare di una idea progettuale che prevede alcuni punti di qualità.
Tra questi la partecipazione societaria all’Esco Provinciale della Tuscia spa, società costituita per il conseguimento di risparmio energetico e per la riduzione dell’inquinamento luminoso.
Fondamentale punto di partenza per lanciare idee di servizi di risparmio energetico ed efficienza dei sistemi di gestione degli impianti di pubblica illuminazione, impianti tecnologici degli immobili con eventuale adeguamento normativo.
Come “Uber Alles”, il progetto “Sole in Tuscia” è uno sbocco per le tecnologie fotovoltaiche.