• Articolo , 23 aprile 2010
  • Fotovoltaico economico? Questione di design

  • Per alcuni i ricercatori californiani la strada per tagliare il prezzo del solare a concentrazione passa per una nuova progettazione che sfrutta tutti i segreti dell’ottica

(Rinnovabili.it) – Il solare a concentrazione rappresenta già di per sé una soluzione promettente sotto l’aspetto del minor vincolo nei confronti dei semiconduttori di alta qualità, ma quando si parla di fotovoltaico la parola economico è ancora lontana dall’essere l’aggettivo canonico.
Per Jason Karp e suoi colleghi dell’ “University of California”:http://www.ucsd.edu/ di San Diego una soluzione esisterebbe e sarebbe quella del nuovo “design di concentratore”:http://psilab.ucsd.edu/publications/%28journal_2010%29_karp_%28OptEx_slab_conc%29.pdf da loro stessi messo a punto. A livello mondiale gli ingegneri hanno già sviluppato concentratori solari ad alta efficienza che incorporano l’ottica per focalizzare il sole centinaia di volte e fornire il doppio della potenza dei moduli fotovoltaici piani, ma il nuovo progetto offre ulteriori potenziali vantaggi.
Invece di impiegare moduli di lenti individuali collegati a singole celle a loro volta allineate e connesse elettricamente, i ricercatori hanno impiegato migliaia di piccole lenti impresse su un foglio ed accoppiate ad una ‘guida d’ombra’ piatta; quest’ultima è una struttura lineare che convoglia e confina le onde elettromagnetiche, e dunque anche i raggi luminosi, all’interno di un preciso percorso, esattamente come un imbuto, su di una singola cella. Karp ha costruito un prototipo funzionante con solo due principali componenti ottici, riducendo in tal modo i materiali, l’allineamento e il montaggio che richiederebbero i normali concentratori.
Il nuovo sistema, fanno sapere i ricercatori, è compatibile con le attuali tecniche di lavorazione roll-to-roll coinvolte nella fabbricazione di televisori di grandi dimensioni.