• Articolo , 20 gennaio 2010
  • Fotovoltaico in Italia: forum di politici e imprenditori

  • In occasione del convegno romano verranno presentati i risultati dello Studio I-Com su “Il possibile contributo del settore fotovoltaico al Sistema Italia” e le proposte di Asso Energie Future.

(Rinnovabili.it) – Apre domani nella capitale il convegno “Sole a Levante o a Ponente? Le prospettive del settore fotovoltaico in Italia alla prova della politica”. In questa occasione sarà reso noto lo studio I-Com su “Il possibile contributo del settore fotovoltaico al sistema Italia”. L’organizzazione è invece di “Asso Energie Future”, un’associazione senza fini di lucro per creare una forte industria italiana delle rinnovabili, rappresentando tutti i grandi operatori (sia quotati che non) sui mercati nazionale e internazionale.
La sua tesi consiste nella constatazione che il fotovoltaico in Italia, fino al 2009 è stato sostanzialmente un “successo mancato”. Alla soglia dei 1000 MW di potenza installata ci siamo arrivati da poco mentre il resto dell’Europa e del mondo, dal Giappone alla Germania alla Spagna è una potenza che hanno ormai sperato da tempo.
Secondo i promotori dell’iniziativa, i politici, che a breve dovranno decidere il regime di incentivazione del fotovoltaico a partire dal 2010, non devono interrompere questo trend, ma invece svilupparlo facendo crescere un settore che aiuterebbe in modo consistente la competitività del sistema Italia.
Si confronteranno su questi argomenti in una prevista tavola rotonda: Pier Francesco Rimbotti Presidente Infrastrutture – Gaetano Tedeschi Presidente K.R. Energy – Emilio Cremona Presidente GSE – Ermete Realacci deputato PD – Stefano Saglia sottosegretario allo Sviluppo Economico – Raffaele Fitto Ministro per gli Affari Regionali.
Lo studio presentato al convegno è di I-com, istituto di ricerca attivo sin dal 2005 nei settori decisivi per la competitività dell’economia italiana.