• Articolo , 9 luglio 2009
  • Fotovoltaico istallato +27%: ottimo lavoro!

  • Impegnandoci nella diffusone del fotovoltaico ci avviciniamo a risultati importanti quali la diminuzione delle emissioni nocive e il risparmio economico per privati e cittadini

(Rinnovabili.it) – Analizzando i dati del Gestore dei servizi dell’energia, l’amministratore di Enerpoint Paolo Rocco Viscontini ha parlato di buone notizie per il settore delle eco-energie: a giugno 2009 il mercato del fotovoltaico è cresciuto, rispetto all’anno scorso, del 27%. Se non ci fosse stata la crisi economica probabilmente la percentuale sarebbe molto più alta ma non ci si può lamentare.
Da gennaio a giugno sono stati collegati alla rete 102,5 MWp: “Sarà interessante vedere cosa succederà nel secondo semestre alla luce dei dati del 2008: nello stesso periodo dell’anno scorso – ha affermato Viscontini – si sono infatti registrate connessioni tra i 20 e i 30 MWp al mese, a parte il mese di dicembre in cui si è avuta l’impennata che ha portato la quota mensile a 137 MWp per effetto dell’imminente riduzione annuale della tariffa. Se quindi applicassimo lo stesso trend di crescita ai mesi che stanno arrivando, confermando sempre il picco di dicembre, risulterebbe una potenza collegata alla rete di ulteriori 330 MWp, a cui vanno aggiunti i 102,5 MWp del primo semestre”. “E’ ormai opinione comune che il settore delle energie rinnovabili rappresenti il perno dello sviluppo dei prossimi anni per le economie di molti Paesi” – ha concluso Viscontini – “L’Italia, per una volta, è in prima linea e speriamo che ci rimanga a lungo”.
Si tratta di un risultato importante per un Paese come il nostro, segno che ci stiamo impegnando a sfruttare fonti energetiche non-fossili che ci permetteranno di risparmiare sulla produzione e sull’acquisto di energia pulita e contemporaneamente proteggere noi e l’ambiente da emissioni nocive che compromettono la qualità della vita.