• Articolo , 17 novembre 2008
  • Francia: eco prestiti e centrali solari in tutte le regioni

  • Jean-Louis Borloo, Ministro francese dell’Ecologia, ha ribadito oggi la sua volontà di creare strumenti di incentivazione fiscale dedicati alla diffusione delle energie rinnovabili ed un bando di gara per la realizzazione mega impianti fotovoltaici entro il 2011

Secondo quanto riportato da un’intervista pubblicata questa mattina su Le Parisien-Aujourd’hui en France, il Ministro francese dell’Ecologia, dello Sviluppo e della Programmazione durevole ha presentato oggi in occasione della prima “Semaine des Energies Renouvelables, du Bâtiment et de la Maîtrise de l’Energie” il Piano Nazionale per lo sviluppo dell’energia rinnovabile. Una cinquantina di misure che indirizzeranno il paese al raggiungimento di una quota del 23% di fonti pulite nel consumo nazionale entro il 2020, spingendo soprattutto sull’energia geotermica e solare. E così il ministro dalla giornata d’apertura della “Settimana” ha ribadito la sua intenzione di avviare un sistema di strumenti fiscali che ne favoriscano lo sviluppo, come la creazione di eco-prestiti dedicati o l’esenzione d’imposta rivolta a tutti coloro che sceglieranno sistemi di riscaldamento da fonte rinnovabile. Verranno rilanciato i piani geotermici per le Regioni dell’Ile-de-France, Alsazia e Aquitania e per la fine dell’anno sarà pubblicato un bando di gara per diffusione dell’energia fotovoltaica in ogni regione francese entro il 2011 e raggiungere così i 300 MW di produzione elettrica da sole. Confermato anche l’obiettivo della realizzazione di 8000 turbine eoliche entro il 2020, comprese quelle off-shore. Ma “dobbiamo migliorare il coordinamento territoriale e di tenere maggiormente conto della protezione paesaggistica”, ha detto Borloo, riconoscendo che finora “lo sviluppo dell’eolico è stato un pò caotico”.