• Articolo , 5 giugno 2007
  • G8: Clima, Italia propone obiettivi obbligatori

  • Al summit mondiale di Heiligendamm il nostro governo richiederà obiettivi obbligatori e non più volontari di riduzione delle emissioni. Si auspica inoltre un coinvolgimento dei Paesi emergenti

Sarà l’emergenza dei mutamenti climatici uno dei temi “caldi” nell’agenda del prossimo vertice del G8 che si terrà da mercoledì a venerdì prossimo a Heiligendamm. La posizione dell’Italia, come per gli altri Paesi europei, sarà quella comune della presidenza UE che verrà lanciata nel cosiddetto “documento Merkel”. L’Italia, in particolare, si impegnerà nella richiesta di obiettivi obbligatori globali e non più obiettivi volontari. “Al G8 l’Italia – ha detto alla vigilia del vertice il Ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio – sosterrà la posizione che il nuovo Governo da un anno porta avanti, quella cioè di una forte alleanza con la Germania per chiarire al mondo che la svolta a difesa del clima serve non solo a salvare l’ambiente ma anche a rilanciare una nuova economia legata all’efficienza energetica, al benessere dei cittadini e non allo spreco delle risorse”. L’Italia sarà anche impegnata sul fronte dei Paesi emergenti: “Vanno convinti – ha detto il ministro – con azioni serie da parte dei paesi del nord del mondo, cioè noi, con un impegno vero a trasferire le tecnologie. Non si può dire ai Paesi emergenti che devono fare energia solare se non diamo a prezzo agevolato o gratis le tecnologie con cui costruire i pannelli solari, altrimenti pensano che sia un trucco per costruire una nuova dipendenza”. (fonte Ansa)