• Articolo , 13 febbraio 2010
  • GATR Lab: Lezioni su materiali naturali e innovativi e loro applicazioni

  • L’associazione Giovani Architetti di Terni organizza un ciclo di lezioni su argomenti attinenti le nuove tecnologie, i materiali e l’innovazione nel campo dell’architettura e del design. La prima serie di incontri avrà come titolo: “Lezioni su materiali naturali e/o innovativi e loro applicazioni”, un’occasione per approfondire tematiche legate all’innovazione e al contempo creano un’opportunità di […]

L’associazione Giovani Architetti di Terni organizza un ciclo di lezioni su argomenti attinenti le nuove tecnologie, i materiali e l’innovazione nel campo dell’architettura e del design. La prima serie di incontri avrà come titolo: “Lezioni su materiali naturali e/o innovativi e loro applicazioni”, un’occasione per approfondire tematiche legate all’innovazione e al contempo creano un’opportunità di dialogo tra professionisti, istituzioni e aziende. Il ciclo di appuntamenti vuole inoltre rivolgersi ad un pubblico più ampio di interessati e studenti universitari.
*Argomenti trattati*
_Fibre naturali per la produzione di materiali sostenibili_
Le fibre naturali offrono notevoli possibilità nella progettazione architettonica perché sono biodegradabili e riciclabili più di una volta, quindi rappresentano delle opzioni a “saldo ambientale” nullo o quasi. Notevole vantaggio è anche l’interesse locale alla coltivazione, se presente nel territorio, perchè abbatte il carico ambientale e favorisce l’opzione “Km zero”, un esempio è la coltivazione della canapa nella Valnerina. Dai materiali naturali e dalla sostenibilità ambientale ci si può avvicinare alla biomimetica e al design bio-ispirato.
Tematiche ad oggi di interesse comune. Il seminario vuole creare un ambito di discussione tra il pubblico e un confronto di opinioni tra i partecipanti.

_Nanotecnologie in edilizia ed architettura_
Le tecnologie innovative e, in particolare, le nanotecnologie costituiscono ambiti d’investigazione multidisciplinare, che coinvolgono vari settori di ricerca: dalla biologia molecolare alla chimica, dalla scienza dei materiali alla fisica, all’ingegneria. Nell’ultimo decennio le applicazioni delle nanotecnologie si sono ampliate rapidamente e oggi interessano tutti i settori dell’industria, con notevoli implicazioni economiche.
La loro pervasività è dovuta soprattutto all’impatto sui materiali poiché consentono ad essi nuove caratteristiche ed insolite prestazioni.
In particolare, nel settore dell’architettura, includendo in questo settore sia le nuove costruzioni, sia i Beni Culturali e la loro conservazione, sembra che le nanotecnologie stiano fornendo un notevole impulso all’innovazione nei processi e nei prodotti tradizionali.
Il seminario intende presentare lo stato dell’arte e le principali tendenze dell’innovazione tecnologica che le nanotecnologie offrono per le costruzioni, cioè l’applicazione ai materiali e componenti per l’edilizia delle nanotecnologie, tecnologie che intervengono a scala infinitesimale per modificare le caratteristiche fisiche, chimiche e meccaniche della materia in modi altrimenti non ottenibili con le tecnologie tradizionali. Un settore che ha visto negli ultimi anni un aumento esponenziale di soluzioni tecniche e brevetti, quasi sempre nati in altri ambiti industriali e quindi trasferiti e adattati al mondo delle costruzioni, che permettono di migliorare le prestazioni dei materiali utilizzati in edilizia in termini di conservazione e manutenzione, prestazioni,risparmio energetico ed estetica.
Per ulteriori informazioni: http://www.giovaniarchitettiterni.it