• Articolo , 30 settembre 2009
  • Gifi e Anie sul Conto Energia post 2010

  • Nonostante la prevista riduzione dei bonus e degli incentivi al fotovoltaico le previsioni sono rosee: il mercato del solare continuerà a crescere

(Rinnovabili.it) – All’inizio del mese GIFI (Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane) e ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) hanno proposto una serie di feed in tariff per l’Italia a partire dall’anno 2011, che variano a seconda del tipo e della grandezza dell’impianto, tenendo anche conto della locazione: moduli istallati a terra o sui tetti.
Per il periodo che va dal 2011 al 2015 la proposta di Anie/Gifi consiste nel portare il limite di potenza incentivabile a 7mila MWp rispetto agli attuali 1.200 MWp riformulando anche le classi di potenza.
Sono previsti inoltre bonus relativi all’integrazione architettonica totale di impianti fotovoltaici (+25%) per l’installazione in aree compromesse dal punto di vista ambientale come cave e discariche che stanno per essere dismesse (+10%) e per la sostituzione di coperture in amianto ed eternit (+10%).
Grazie al nuovo regime tariffario si prevede l’istallazione di 15mila MWp con la conseguente creazione di 90mila posti di lavoro.
Dal 2012 al 2015 sarebbe suggerita un’ulteriore riduzione delle tariffe di un 5% annuo, cercando di portare il mercato verso il raggiungimento della grid parity.
“Queste considerazioni – dichiara Gert Gremes, presidente del Gifi aderente a Confindustria Anie – sono frutto di una approfondita analisi dell’evoluzione del costo dell’impianto fotovoltaico e del conseguente costo dell’energia da esso prodotta”.