• Articolo , 8 maggio 2009
  • GondOLIamo, una Regata per l’Ambiente

  • Sono pronte le sette caorline che, il prossimo 16 maggio, si riuniranno alla Darsena dell’Isola di San Giorgio per partecipare a GondOLIamo, una Regata per l’Ambiente, organizzata dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Venezia e dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati (COOU) per sensibilizzare i cittadini sulla corretta raccolta e smaltimento degli oli usati lubrificanti. La […]

Sono pronte le sette caorline che, il prossimo 16 maggio, si riuniranno alla Darsena dell’Isola di San Giorgio per partecipare a GondOLIamo, una Regata per l’Ambiente, organizzata dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Venezia e dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati (COOU) per sensibilizzare i cittadini sulla corretta raccolta e smaltimento degli oli usati lubrificanti.
La Regata partirà alle 11 dalla Riva degli Schiavoni, di fronte alla Caserma Cornoldi, e si snoderà tra i canali principali della Laguna di Venezia passando dall’Università Ca’Foscari e terminando al Museo Navale. L’ormeggio delle barche sarà al Rio delle Galeazze e le premiazioni si terranno alle 12.30 al Ristorante “In Paradiso”, nell’incantevole scenario dei Giardini della Biennale. Oltre alle barche da competizione seguiranno la Regata anche una caorlina con a bordo Joil, la mascotte del Consorzio; un bragozzo di rappresentanza a motore, un’idroambulanza; due barchini per i giudici di gara e una barca a motore dei Rangers d’Italia per la vigilanza ambientale.
La Regata per l’Ambiente è l’evento conclusivo di GondOLIamo, una campagna informativa realizzata dal Consorzio e dal Comune di Venezia lo scorso 15 aprile per informare i cittadini sulle buone pratiche di tutela ambientale. Il Comune di Venezia infatti, con le sue 40.000 imbarcazioni, rappresenta il simbolo dell’impegno del COOU nel delicato settore della nautica.
“Siamo consapevoli – ha detto Antonio Mastrostefano, Vice Presidente del Consorzio – che il settore della nautica è uno dei più critici per una gestione efficace della raccolta di questa tipologia di rifiuti. Una piccolissima quantità d’olio, versata in mare, può inquinare mille litri d’acqua perché crea una sottile pellicola che impedisce lo scambio d’ossigeno e provoca la morte della flora e della fauna sottostanti. Per questo il Consorzio e il Comune di Venezia stanno lavorando per dotare gli operatori di settore e i cittadini di punti di conferimento che soddisfino le loro esigenze”.
Durante la campagna sono stati allestiti dei punti informativi in diverse zone della città, tra cui Campo San Polo e Campo Santa Margherita, Le Fondamenta delle Zattere e Forte Marghera, nei quali sono stati distribuiti materiali informativi sul Consorzio e le buone pratiche di raccolta dell’olio usato. E, in attesa della Regata, sono previsti due incontri con le associazioni di categoria e gli operatori di settore, l’11 e il 12 maggio.