• Articolo , 24 giugno 2009
  • Gpl e metano: meno appeal con il calo della benzina

  • Sceso il prezzo di benzina e diesel, anche gli ordini per la trasformazione a gpl o metano sono andati diminuendo

(Rinnovabili.it) – C’era da aspettarselo. Dopo il picco del greggio a 140 dollari/barile dell’anno scorso (e addirittura di previsioni di 200 dollari per la fine del 2008), il petrolio è calato e anche alla pompa i prezzi sono tornati ad essere accettabili. Ma soprattutto la grande paura è passata. E proprio quella, passateci il termine, era stato il propellente di un poderosa crescita della domanda di installazione di impianti a gpl e a metano. A questo si aggiungevano gli incentivi statali per chi optava per il cambio.
I 52 miloni di euro messi a disposizione di questa operazione furono esauriti in nemmeno cinque mesi. Quest’anno invece (nonostante l’ammontare degli incentivi fosse stato portato a 89 milioni di euro) a fine giugno ne saranno stati utilizzati solo il 50%
Ricordiamo anche che per l’installazione di un impianto su vetture Euro 0 / 1 e 2, infatti, sono a disposizione dell’utente 500 euro per il Gpl e di 650 per il metano.
Contributo inferiore per la trasformazione di Euro 3 / 4 / 5 / 6, per i quali è previsto un incentivo di 350 euro per il Gpl e 500 per il metano.