• Articolo , 15 ottobre 2009
  • Greco commenta l’invio della nave da parte del Governo per far luce sulla “nave dei veleni

  • L’Assessore regionale all’Ambiente Silvio Greco commenta la notizia dell’invio da parte del Governo di una nave geostazionaria a largo di Cetraro con l’obiettivo di far luce sulla natura del contenuto dei fusti a bordo di quella che viene definita “nave dei veleni”. “È notizia di questi giorni – dice Greco – che una nave sarà […]

L’Assessore regionale all’Ambiente Silvio Greco commenta la notizia dell’invio da parte del Governo di una nave geostazionaria a largo di Cetraro con l’obiettivo di far luce sulla natura del contenuto dei fusti a bordo di quella che viene definita “nave dei veleni”. “È notizia di questi giorni – dice Greco – che una nave sarà dedicata all’indagine sui fondali di Cetraro. Apprendo con grande felicità dell’invio di un’altra nave ma a questo punto vorrei sapere nel dettaglio cosa verrà a fare. Mi auguro che non sia solo un’indagine identificativa, perchè, come ho già avuto modo di dire, noi non abbiamo nessuna curiosità sulla identità di questa nave. Noi vogliamo che si vada a caratterizzare la nave, ovvero che si recuperi il materiale contenuto nei fusti, con le dovute accortezze. Però – aggiunge Greco – la cosa che voglio sottolineare è che la Calabria vuole partecipare alle operazioni; noi vogliamo conoscere in dettaglio i protocolli che si intendono fare. Vogliamo partecipare, così come stiamo facendo a terra, dove c’è una piena sintonia con il direttore Lupo. C’è l’Arpacal che si sta occupando con l’Ispra del piano di caratterizzazione, ci sono i tecnici regionali che possono seguire direttamente le attività e partecipare. Mi auguro, insomma, che ci sia un intervento risolutore e non dei palliativi.”
L’Assessore si è, poi, soffermato sull’incontro di Roma con il Sottosegretario all’Ambiente, al quale avrebbero esponenti del Pdl, insieme al sindaco di Cetraro Giuseppe Aieta, ed all’Assessore Ermanno Cennamo.
“Apprendo dalla stampa – ha detto l’Assessore all’Ambiente – che a questo incontro hanno partecipato esponenti del Popolo delle Libertà. Noi non facciamo certo un problema di appartenenza politica rispetto a questo problema però vorrei ricordare ai cittadini calabresi chi è che si sta muovendo e chi invece non sta facendo nula. Non si può pensare che siamo tutti uguali.” Infine l’Assessore Greco ha ricordato il suo incontro con il Commissario europeo all’Ambiente , Stavros Dimas:
“Sono particolarmente soddisfatto dell’incontro con il commissario Dimas che ha dimostrato innanzitutto di sapere di cosa si sta parlando. Sapeva nei dettagli i problemi che i pescatori, la città di Cetraro e i cittadini calabresi hanno: le paure, l’ansia che sta creando questa vicenda. Questo ha dimostrato – ha concluso Greco – come l’Unione Europea rappresenti davvero un posto in cui le amministrazioni periferiche possono trovare delle risposte. Mi dispiace che lo stesso non si possa dire del Governo italiano.” r.c.