• Articolo , 29 novembre 2010
  • Gse: questa è l’Italia dell’idroelettrico

  • Il Gestore pubblica il volume “L’Idroelettrico – Rapporto statistico 2009” per fornire il quadro delle principali caratteristiche degli idro-impianti in esercizio nel Paese a fine dello scorso anno e della loro distribuzione sul territorio nazionale

(Rinnovabili.it) – Si va completando il quadro disegnato dal Gestore dei Servizi Energetici sulle statistiche delle fonti rinnovabili del 2009. Con la pubblicazione oggi del Rapporto “L’Idroelettrico”:http://www.gse.it/attivita/statistiche/Documents/L%27idrico_Rapporto%20statistico%202009.pdf il GSE fa il punto della situazione anche per la fonte verde numero uno in Italia, quella che, in altri termini, continua a fornire il maggioreapporto green al settore della produzione pulita. A ribadire la predominanza dell’idroelettrico i numeri: nel 2009 i *17,7 GW istallati dei 2.249 impianti sul territorio nazionale* hanno rappresentato il 67% della potenza relativa all’intero parco delle rinnovabili ed il 71% della produzione. Una capacità che nello stesso anno, grazie alle favorevoli condizioni di idraulicità, ha determinato *una generazione idroelettrica di 49.137 GWh.*
L’analisi dell’evoluzione della potenza installata e della numerosità degli impianti nel corso del decennio mostra tuttavia che non vi è stata una crescita importante. Basti pensare che il vero record di produttività ossia 51.054 GWh annuali fu raggiunto nel 1977. “L’unico fenomeno degno di nota si legge nel rapporto – è rappresentato dall’entrata in esercizio di molti impianti di piccola taglia ad acqua fluente”. Il mini-idro ad acqua fluente ha una taglia media pari a 366 kW, ad oggi, rappresenta il 56% del totale delle installazioni sul territorio nazionale. Il Bel Paese rimane uno dei maggiori produttori europei di elettricità da fonte idraulica, terzo nella classifica UE-15 dietro a Svezia e Francia rispettivamente con 65.124 GWh e 56.909 GWh.