• Articolo , 11 dicembre 2009
  • GSE: Risoluzione volontaria CIP 6? Ecco come

  • Il Gestore dei Servizi Elettrici spiega i meccanismi di risoluzione volontaria e anticipata delle convenzioni riguardante gli impianti da fonti assimilate

(Rinnovabili.it) – Come annunciato qualche giorno fa e come indicato dal relativo Decreto Ministeriale firmato da Claudio Scajola, è il Gestore dei Servizi Energetici l’ente a cui i titolari di convenzioni Cip n. 6/92 dovranno, se intenzionati, manifestare l’interesse alla risoluzione anticipata della singola convenzione. E’ lo stesso GSE ha ricordarlo oggi chiarendo meccanismi e date. Nel dettagli tutti i titolari in essere alla data del 1° gennaio 2010 per impianti che utilizzano combustibili di processo o residui o recuperi di energia e assimilati che utilizzano combustibili fossili possono inviare, entro il 21 dicembre 2009, apposita comunicazione al Gestore.
L’operazione di risoluzione anticipata riguarda dunque solo le fonti assimilate e prevede delle specifiche precise per gli impianti del primo tipo ovvero quelli utilizzanti residui o recuperi di energia. Per maggiori informazioni consultare il sito www.gse.it.