• Articolo , 23 maggio 2007
  • Heliplat: aereo a emissioni zero

  • Dalla collaborazione di enti di universitari e di ricerca internazionali nascerà il primo velivolo alimentato da fonti rinnovabili. Pannelli solari e celle a combustibile forniranno energia ad un aereo in grado di volare per 4 mesi initerrotti senza rifornirsi

Si chiama ENFICA-FC ed è l’acronimo di ENvironmentally Friendly Inter City Aircraft powered by Fuel Cells; si tratta di un progetto, coordinato dal Politecnico di Torino, che mira a sviluppare entro il 2009 un aereo con propulsione a celle combustibili. “Ci sono – spiega l’ingegnere Giulio Romeo del Dipartimento di ingegneria aeronautica e spaziale del Politecnico – due fasi. Da una parte puntiamo alla realizzazione di un aereo senza pilota, un UAV di 70 metri alimentato a energia solare e celle combustibili. In parallelo verranno svolti studi di tipo più teorico che, almeno per il momento, non avranno applicazione pratica, sull’eventualità di utilizzare questo sistema per alimentare, in parte, aerei di portate maggiori, come ad esempio gli intercity da 30/40 passeggeri”. Alimentato da pannelli solari durante il giorno e dalle celle a combustibile durante la notte, l’Heliplat (questo il nome del velivolo sperimentale) potrebbe volare a 18/20 mila metri d’altezza, quindi più in basso dei satelliti che incrociano a 36 km dalla superficie terrestre, pur svolgendo molte delle stesse funzioni: sorveglianza, vigilanza anti-immigrazione illegale e anti-incendio, meteorologia. Il progetto ha un costo totale di circa 4 milioni di euro, di cui tre quarti coperti da finanziamenti europei. (fonte LaStampa)