• Articolo , 22 ottobre 2007
  • Host: il turismo sostenibile

  • Sostiene il ministro che “occorre far emergere l’eccellenza tecnologica delle imprese italiane nel campo energetico e esportare il nostro know how in tutto il mondo”. Questo l’obiettivo a breve termine per l’Italia che guarda all’efficienza energetica e all’ecosostenibillità.

Host, salone internazionale dell’ospitalità professionale, che si concluderà domani a Fieramilano, dove è stato presentato l’Eco hotel, il sistema turistico progettato in cooperazione con il Kyoto club e l’azienda alberghiera ecocertificata.
“L’Italia è in grado di farlo – ha sottolineato il ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio – Infatti, ci sono molte imprese italiane, dal settore delle costruzioni agli elettrodomestici, che possono fare un buon lavoro a basso impatto sull’ambiente. Un passo avanti che permetterebbe non solo di lanciare ulteriormente il turismo in Italia – ha proseguito il ministro – ma anche di diventare esportatori di tecnologie, macchinari, metodologie su come rendere a basso impatto ambientale il turismo”.
“La sostenibilità è efficienza ed è opposta alla cultura dello spreco” ha poi aggiunto il ministro visitando l’installazione Nemo next hotel, l’albergo del futuro, a bassa emissione di Co2.
A tale proposito la catena degli Hilton sta pianificando di realizzare nei prossimi anni 69 strutture “carbon neutral”, cioè a bassa emissione di Co2. Il turismo responsabile, che ama il lusso e la dolce vita, ma li preferisce con la certezza di non influire negativamente sullo stato di salute del pianeta, sta diventando una industria di tutto rispetto in nazioni come la Gran Bretagna, dove il 90 % dei consumatori si dice favorevole alla eco-compatibilità delle strutture alberghiere e il 54% addirittura a soluzioni che consentono al cliente di ridurre le emissioni di Co2 durante il soggiorno.
Da un lato le tecnologie e i materiali per una cospicua riduzione del carbonio prodotto e rilasciato nell’atmosfera; dall’altro i comportamenti virtuosi con aree per sperimentare il comfort verde e lusso sostenibile. L’albergo verde del futuro, concepito come un Eco design hotel Co2 free, combina queste misure con altre strategie di risparmio idrico e delle risorse energetiche, riduzione delle scorie, l’impiego di consumabili organici e non inquinanti, il riuso e il riciclaggio dei materiali. (fonte Il Velino)