• Articolo , 1 ottobre 2008
  • Hybrid Gas Range: sostenibilità tra i fornelli

  • Disegnato per trasformare i rifiuti organici domestici in metano da riutilizzare come combustibile. Quando si dice cucinare con gli avanzi…

E’ possibile liberarsi dei rifiuti alimentari senza andare ad aggravare su speciali impianti di riciclaggio ed in maniera da ottenere energia riutilizzabile? Il premiato designer coreano Seokmoon Woo ne è convinto e per questo ha disegnato Hybrid Gas Range, un innovativo sistema ibrido concepito per sfruttare l’energia associata agli scarti organici che si accumulano nelle case. In Italia circa il 25-30% della spazzatura domestica è, infatti, composto da rifiuti organici come gli scarti di frutta o verdura. Per chi possiede un giardino la raccolta differenziata si può effettuare anche attraverso il compostaggio domestico, ma per chi non ha verde o tempo a disposizione la soluzione disegnata da Woo potrebbe davvero rilevarsi utile. Il concetto consentirebbe alle famiglie di gettare gli avanzi in un piccolo deposito all’interno del dispositivo, per essere “anaerobicamente digerito” dalla fermentazione batterica e produrre così metano utilizzabile come gas combustibile. Il risultato è un rifiuto disidratato dal dispositivo e raccolto in un serbatoio che può essere smaltito facilmente come concime e quando il gas raggiunge una certa quantità può essere utilizzato per cucinare semplicemente spingendo un bottone. I vantaggi sarebbero duplici: ridurre il fabbisogno energetico familiare e sbarazzarsi di un terzo dei rifiuti domestici. Per ora Hybrid Gas Range è solo un concept, ma ha già ricevuto un riconoscimento dall’Australian Design Award.