• Articolo , 19 febbraio 2010
  • I benefici del biogas? Maggiori del previsto

  • Da un’indagine di ricercatori svedesi la dimostrazione che il biogas da rifiuti impiegano nel settore della mobilità rilascia 16 grammi di CO2 eq per kWh, un valore circa il 95 per cento inferiore a quello della benzina

(Rinnovabili.it) – Per gli studiosi dell’Università svedese di Lund non ci sono dubbi: il biogas ottenuto a partire dai rifiuti è in termini ambientali una scelta migliore della benzina. Perché? Essenzialmente perché produce il 95 per cento d’emissioni di gas serra in meno e con alcuni semplici miglioramenti agli impianti, spiegano i ricercatori, la cifra può salire fino al 120 per cento, rendendo questo biocarburante totalmente ‘carbon neutral’.
A questi risultati il gruppo di ricerca è arrivato dopo aver analizzato un impianto di biogas nella contea di Scania (sempre Svezia) in un’indagine commissionata dalla Swedish Energy Agency finalizzata alla realizzazione di un caso studio che rendesse più facile ottimizzare le altre strutture produttive. Il paese può già contare su una ventina di centrali che trattano le acque reflue per la produzione, a partire fanghi di depurazione, di biogas successivamente destinato al rifornimento di auto ed altri veicoli.
“L’impianto che abbiamo studiato è abbastanza rappresentativo di una centrale media che processi rifiuti e letame. Nel nostro studio abbiamo calcolato le emissioni per l’intera catena di produzione, rendendo conto sia di quelle dirette che quelle indirette, compresi i fattori finora esclusi da qualsiasi indagine, ad esempio, in che modo il suolo è influenzato quando il concime minerale viene sostituita con bio-fertilizzanti”, spiega uno dei ricercatori.
“Inoltre, la lisciviazione del metano è misurata e non semplicemente basata su dati standard altrimenti utilizzati in questo tipo di analisi”. Al fine di rendere tale prodotto ancora più ecologico, gli scienziati propongono che gli impianti vengano riscaldati utilizzando il cippato, e che i magazzini di bio-fertilizzante vengano coperti per ridurre le perdite di azoto e ridurre la diluizione con acqua piovana.