• Articolo , 14 maggio 2008
  • I livelli mondiali di CO2 segnano un record

  • Da 650 mila anni l’anidride carbonica non era mai stata così alta come adesso: quasi il 40% in più dai tempi della rivoluzione industriale

Con 387 ppm (parti per milioni) la concentrazione di diossido di carbonio ha raggiunto il record di tutti i tempi: mai sono stati così alti i livelli mondiali di CO2, da oltre 650.000 anni. A riportare la cattiva notizia sono i dati elaborati dall’US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), l’agenzia federale statunitense che si occupa dello stato del clima, degli oceani e dell’atmosfera. Le cifre raccolte hanno rilevato che l’anidride carbonica presente nell’atmosfera è quasi il 40% in più dai tempi della rivoluzione industriale, con un tasso medio di crescita annua di 2.14 ppm. Secondo gli scienziati responsabili della ricerca, questi dati potrebbero stare ad indicare che la Terra sta perdendo la sua naturale capacità di assorbire milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, smentendo quindi alcuni modelli climatici che danno per certo che circa la metà delle emissioni in futuro sarà riassorbita dalle foreste e dagli oceani, ma questi dati lasciano presupporre che le previsioni potrebbero essere troppo ottimistiche. L’aumento è stato del 35% più grande di quanto inizialmente previsto, e circa la metà di questo aumento sarebbe dovuto alla sempre maggiore dipendenza cinese dal carbone, che sin dal 2000 ha invertito la tendenza all’efficienza energetica che durava dal 1970.