• Articolo , 8 settembre 2010
  • Iberdrola: Galán incontra il Ministro romeno dell’Economia per discutere dei progetti della società nel paese

  • Il presidente di Iberdrola, Ignacio Galán, ha incontrato oggi a Bucarest il Ministro rumeno dell’Economia, Ion Ariton per discutere dei principali progetti della società nel paese, concentrandosi in particolar modo sul settore eolico e nucleare. Ignacio Galán ha evidenziato l’ottenimento del permesso da parte del gestore della rete elettrica romena (Transelectrica) riguardo l’installazione di 1.500 […]

Il presidente di Iberdrola, Ignacio Galán, ha incontrato oggi a Bucarest il Ministro rumeno dell’Economia, Ion Ariton per discutere dei principali progetti della società nel paese, concentrandosi in particolar modo sul settore eolico e nucleare.
Ignacio Galán ha evidenziato l’ottenimento del permesso da parte del gestore della rete elettrica romena (Transelectrica) riguardo l’installazione di 1.500 megawatt (MW) di energia eolica, dopo la recente firma dell’accordo tra IBERDROLA Renovables e la società eolica Dobrogea (di proprietà del gruppo svizzero di ingegneria NEK Umwelttechnik e le imprese rumene AG e C-Tech e Rokuro Srl Srl).
La potenza fornita alla Società permetterà di generare energia sufficiente a fornire elettricità a circa un milione di famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 2,6 milioni di tonnellate di CO2. Il progetto prevede la realizzazione di 50 parchi eolici nella regione di Dobrogea, che verranno costruiti tra il 2011 e il 2017.
Inoltre, Iberdrola Renovables, che ha aperto nel 2009 un ufficio a Bucarest, ha in programma per quest’anno di iniziare i lavori per il suo primo parco eolico del Paese, denominato Mihai Viteazu possiede 80 MW di potenza, e verrà messo in funzione nel gennaio 2011.
Inoltre, IBERDROLA insieme ad alcune fra le maggiori aziende europee (Nuclearelectrica, Enel, RWE, Electrabel e CEZ Arcelor / Mittal), formeranno un consorzio che svilupperà le unità 3 e 4 del progetto nucleare di Cernavoda, alla cui costruzione parteciperà anche la controllata IBERDROLA Ingeniería.
L’impianto nucleare di Cernavoda è progettato per ospitare cinque reattori canadesi CANDU nel modello del progetto. Attualmente, sono state già costruite e diventate già operative le unità 1 e 2, che insieme producono il 18% della produzione totale di elettricità in Romania. Le unità 3 e 4 da 720 MW ciascuna, avranno un design simile a quello del gruppo 2.
Infine, IBERDROLA si è aggiudicata la licenza commerciale per operare nel mercato dell’energia elettrica in Romania per quest’anno, rilasciato dall’Ufficio Energia del regolamento (ANRE) in questo paese. Attraverso le loro interconnessioni, la Romania offre l’opportunità per la Società ad effettuare operazioni di negoziazione per l’Ungheria e la Grecia, in quest’ultimo caso attraverso la Bulgaria.