• Articolo , 16 novembre 2010
  • Idroelettrico, da Kazakistan e Cina nuovo impianto entro il 2014

  • Le due nazioni confinanti hanno annunciato lo stanziamento di un totale di 6 milioni di dollari per la realizzazione di un nuovo impianto idroelettrico sul fiume Jorgos

(Rinnovabili.it) – Un accordo che segna una nuova strada nella produzione di energia idroelettrica quello che hanno ufficializzato tra sabato e domenica scorsi nella città di Karaganda il ministro dell’agricoltura del Kazakhstan Akylbek Kurishbayev e il viceministro cinese con delega alle risorse idriche Jiao Yong. Le due nazioni, infatti, sono reciprocamente impegnate a costruire, come riferiscono fonti di stampa locali, una nuova diga sul fiume Jorgos nella regione di Almaty al confine con la Cina. Annunciando la firma della nuova intesa tra le due nazioni a Interfax-Kazakhstan, il viceministro dell’agricoltura del Kazakhstan, Marat Orazay ha ricordato “Un altro accordo era stato raggiunto tra le due nazioni due anni fa per costruire un impianto idroelettrico sul fiume Horos, per il quale il Kazakhstan si era impegnato a sviluppare il progetto e a curare i dettagli di design, presentando tutta la documentazione ai partner cinesi la scorsa estate”.
Sempre secondo quanto ha dichiarato lo stesso viceministro Orazay la costruzione del nuovo impianto dovrebbe iniziare a partire dal prossimo gennaio e si dovrebbe concludere al massimo entro la fine del 2013. L’investimento previsto per Kazakhstan and China si dovrebbe attestare, per ognuna delle due nazioni, intorno ai 3 milioni di dollari. La costruzione dell’impianto idroelettrico è stata studiata per distribuire le acque transfrontaliere del fiume in parti uguali tra le due nazioni confinati.