• Articolo , 19 ottobre 2009
  • Iea: pubblicato il report sull’efficienza energetica

  • Le politiche di efficienza energetica sono sufficienti? I paesi membri della IEA sulla buona strada per soddisfare le pressanti sfide economiche, ambientali e sulla sicurezza energetica?

(Rinnovabili.it) – Arriva dall’Agenzia internazionale dell’Energia (IEA) “Implementing Energy Efficiency Policies: Are IEA Member Countries on Track?”:http://www.iea.org/Textbase/npsum/implementingEE2009SUM.pdf, il nuovo rapporto che analizza in quale misura i paesi membri hanno attuato le venticinque raccomandazioni in materia di efficienza energetica, fornite dalla stessa Agenzia come mossa per ridurre le emissioni di anidride carbonica a livello mondiale di 8,2 miliardi di tonnellate all’anno entro il 2030.
La presente relazione valuta dunque i progressi in tutte e sette le aree prioritarie: attività intersettoriali, edilizia, elettrodomestici, illuminazione, trasporti, industria e società elettriche e i risultati contenuti nella pubblicazione tengono conto dei progressi ottenuti fino a marzo 2009. A fronte di buoni esempi rappresentati da normative sul rendimento energetico, strumenti finanziari innovativi, piani d’azione e campagne informative, purtroppo l’Agenzia rivela che l’obiettivo nelle raccomandazioni sopracitate è ben lungi dall’essere raggiunto. Nessun paese membro IEA ha ‘completamente’ o ‘ sostanzialmente’ implementato dell’oltre il 57% l’attuazione delle raccomandazioni IEA. L’efficienza energetica continua a dover affrontare ostacoli pervasivi compresa la mancanza di accesso al capitale per investimenti in tal senso, informazioni insufficienti e costi esterni che non trovano riscontro nei prezzi dell’energia. L’impegno politico per massimizzare l’attuazione di tali strategie, spiega il rapporto, può aver subito una frenata a causa dell’attuale crisi economica, dal momento che i programmi di efficienza energetica devono competere per il finanziamento con altre priorità come l’occupazione, la salute e la sicurezza sociale.
Il monito torna ad essere, dunque, quello di non perdere di vista il percorso e concentrare gli sforzi nella direzione delle pressanti sfide legate all’energia. La convinzione esposta nel summary è che sia la IEA che i suoi membri siano in grado di giocare un ruolo attivo nella promozione del “Worldwide Implementation Now” (W.I.N.) dell’efficienza energetica. Un’opportunità che sarà colta o persa?