• Articolo , 17 marzo 2011
  • Il 5° concorso “Conta i tuoi eco-chilometri”

  • Ventuno marzo, primo giorno di Primavera. Vale almeno un fioretto ? Al risveglio della Terra anche l’aria gradirebbe un gesto simbolico, ma di grande valore: aderire a uno stile di vita più sano e sostenibile. Regione Emilia-Romagna, Ufficio scolastico regionale e Centro di educazione ambientale Itineroteca organizzano in questa data la 18esima edizione della “Festa […]

Ventuno marzo, primo giorno di Primavera. Vale almeno un fioretto ? Al risveglio della Terra anche l’aria gradirebbe un gesto simbolico, ma di grande valore: aderire a uno stile di vita più sano e sostenibile. Regione Emilia-Romagna, Ufficio scolastico regionale e Centro di educazione ambientale Itineroteca organizzano in questa data la 18esima edizione della “Festa dell’aria”, una manifestazione che nasce per promuovere la mobilità sostenibile tra i ragazzi e le loro famiglie. Gli studenti sono invitati a percorrere il tragitto casa-scuola a piedi, in bici o in autobus, almeno il primo giorno di Primavera. E se l’esperienza diventa un’abitudine quotidiana, le classi possono partecipare alla quinta edizione del concorso “Conta i tuoi eco-chilometri”: per i più virtuosi ci sono in palio 500 canzoni da scaricare gratuitamente, materiali didattici e gite nei parchi della regione.
Novità dell’edizione 2011, la nascita di una pagina Facebook della Festa dell’aria, all’interno della quale i partecipanti potranno pubblicare foto, immagini e testi per raccontare i propri percorsi casa-scuola.

A ideare e gestire il progetto, come ogni anno, è il Centro di educazione ambientale Itineroteca Emilia-Romagna, che ha sede nella Scuola Media Statale Galileo Ferraris di Modena.
Tra i tanti bozzetti realizzati dagli studenti delle classi 2C (corso di Grafica) e 4N (corso di Comunicazione Visiva) dell’Istituto Superiore d’Arte A.Venturi Modena e guidati dalla professoressa Antonella Battillani, il simbolo grafico scelto per questa edizione è stato quello di Federica Paolini (2C), che ha immaginato una bicicletta con una foglia per sellino ed una mezza luna per manubrio.

L’obiettivo di entrambe le iniziative è quello di far riflettere tutti sulle conseguenze ambientali delle azioni quotidiane, e quindi cercare di convincere ragazzi e famiglie a lasciare l’auto in garage e scegliere di camminare, oppure di pedalare, o di prendere l’autobus. Il piccolo gesto di ognuno di noi è importante. Come in democrazia il risultato è la somma di ciascun voto, anche la qualità dell’aria è il risultato della somma dei nostri comportamenti quotidiani.