• Articolo , 16 maggio 2008
  • Il Bike-sharing resta a piedi

  • di Ovidio Diamanti Lo aveva promesso lo scorso anno nel corso della Conferenza Nazionale della Bicicletta l’Assessore Edoardo Croci: entro il 2008 il Comune di Milano avvierà il servizio di bike-sharing sul territorio comunale. Un’operazione che dovrebbe portare la città meneghina ai livelli di Parigi, Lione e altre grandi metropoli europee. Il problema è che […]

di Ovidio Diamanti
Lo aveva promesso lo scorso anno nel corso della Conferenza Nazionale della Bicicletta l’Assessore Edoardo Croci: entro il 2008 il Comune di Milano avvierà il servizio di bike-sharing sul territorio comunale.
Un’operazione che dovrebbe portare la città meneghina ai livelli di Parigi, Lione e altre grandi metropoli europee. Il problema è che i tempi però rischiano di allungarsi perché la gara d’appalto per la gestione del servizio indetta dall’Atm è andata deserta. Il fallimento si spiegherebbe, secondo il consigliere comunale Baruffi, con le condizioni poco vantaggiose del bando che prevedeva un investimento iniziale del Comune da 5 milioni di euro per mettere a disposizione 5000 biciclette in 250 stazioni di servizio nonché la manutenzione e gestione del servizio stesso. L’azienda vincitrice avrebbe potuto sfruttare anche gli spazi pubblicitari connessi.