• Articolo , 24 settembre 2009
  • Il bosco mobile: Attivazione della filiera bosco-arredo sostenibile

  • Sabato 26 settembre presso la MIA di Monza, ha avuto luogo la conferenza stampa del progetto “Bosco Mobile” per presentare il progetto e illustrarne specificità ed innovazione. Il Bosco Mobile (BOMO) è un progetto di ricerca finanziato dalla D.G. Agricoltura della Regione Lombardia finalizzato alla realizzazione ed ottimizzazione di una filiera corta lombarda bosco – […]

Sabato 26 settembre presso la MIA di Monza, ha avuto luogo la conferenza stampa del progetto “Bosco
Mobile” per presentare il progetto e illustrarne specificità ed innovazione.
Il Bosco Mobile (BOMO) è un progetto di ricerca finanziato dalla D.G. Agricoltura della Regione Lombardia
finalizzato alla realizzazione ed ottimizzazione di una filiera corta lombarda bosco – legno. Il progetto
prevede un’analisi di sostenibilità della filiera legno-arredo contestuale al tentativo, da parte di alcune realtà
imprenditoriali lombarde, di tradurre nella pratica le indicazioni delle politiche europee e nazionali su
produzione e consumo sostenibile in modo tale da instaurare un sistema che sia nel contempo sostenibile e
competitivo sul mercato sia privato che pubblico (acquisti verdi pubblici).
Il progetto BOMO coinvolge un’ampia e qualificata partnership e mira alla realizzazione di una filiera corta
legno-mobile. Lo scopo è permettere alle realtà produttive locali, quali Progetto Lissone di produrre mobili
utilizzando legno locale, proveniente da foreste certificate, riducendo quindi l’impatto derivato dal trasporto
della materia prima dal luogo di prelievo al luogo di lavorazione. La creazione di un mercato per l’utilizzo del
legname locale nel settore dell’arredo permetterà al capofila del progetto, il Consorzio Forestale della Val
d’Intelvi, di valorizzare le risorse naturali della Val d’Intelvi promuovendo al tempo stesso la tutela del
territorio e la creazione di nuovi posti di lavoro.
Il progetto ha l’obiettivo di attivare una filiera locale legno-arredo caratterizzata dall’utilizzo di materiale
legnoso proveniente da foreste certificate secondo i criteri della Gestione Forestale Sostenibile e da modalità
operative a basso impatto ambientale. La sfida è quella di individuare modalità di applicazione dei principi
della sostenibilità (come la strategia per Produzioni e Consumi Sostenibili) che siano economicamente
sostenibili, competitive rispetto alle modalità operative attuali e che garantiscano, a fronte di costi maggiori,
la conquista di nuove porzioni di mercato.
Una partnership articolata coinvolge rappresentanti del mondo della ricerca – in questo caso il GRISS,
Gruppo di Ricerca sullo Sviluppo Sostenibile dell’Università degli Studi di Milano Bicocca e il CNR-Ivalsa di
Trento – e del mondo delle imprese e rappresenta un punto di forza dell’approccio adottato, perché permette di realizzare l’analisi su un caso reale, mettendo in evidenza i possibili elementi di criticità e
confrontando approcci differenti per la ricerca delle migliori soluzioni operative possibili. BOMO si avvale, inoltre, della partnership con Brand Evolution e Eco-Network, che si occupano della comunicazione e della promozione del progetto, soprattutto in previsione del Salone del Mobile 2010, in cui verranno presentati i prototipi.
Per maggiori informazioni: www.boscomobile.it