• Articolo , 13 giugno 2009
  • Il convegno sulle “Agrienergie” valido sostegno alla crisi dell’agricoltura

  • Le Agrienergie (biocarburanti, serre fotovoltaiche e biomasse) grazie ai recenti contributi normativi statali, possono rappresentare un valido sostegno economico per la nostra Agricoltura in crisi. E’ questa l’asse su cui è ruotata la discussione nella sessione d’apertura della due giorni convegnistica dedicata, appunto, alle agrienergie e che si tiene a Ragusa. Il territorio del sudest […]

Le Agrienergie (biocarburanti, serre fotovoltaiche e biomasse) grazie ai recenti contributi normativi statali, possono rappresentare un valido sostegno economico per la nostra Agricoltura in crisi. E’ questa l’asse su cui è ruotata la discussione nella sessione d’apertura della due giorni convegnistica dedicata, appunto, alle agrienergie e che si tiene a Ragusa.
Il territorio del sudest si presta, è stato detto, a queste applicazioni. Infrastrutture che rispettano l’ambiente, coniugandosi con la sostenibilità dei territori. L’associazione ambientalista Ambiente Verde Onlus Italia e l’associazione nazionale Asso.Pro.Energy hanno promosso con l’assessorato alla formazione della Provincia Regionale di Ragusa e l’Università di Catania facoltà di scienze agrarie tropicali e subtropicali questo seminario formativo per fornire a studenti in agraria, agronomi, imprenditori agricoli, operatori del settore rinnovabili ed amministratori, i parametri per scegliere questa forma di investimento. Un appuntamento che ha anche il merito di vedere presentato in anteprima nazionale, il modello di serra fotovoltaica trasparente con kit geotermico frutto di un progetto ideato e brevettato nella Provincia di Ragusa.
Tre i moduli formativi: ieri spazio ai biocarburanti, stamattina anteprima assoluta sulle serre fotovoltaiche e nel pomeriggio la chiusura con le biomasse, vera risorsa verde dei nostri territori che se adeguatamente sfruttate, generarno valore sia per i produttori che per le amministrazioni locali.
Ai partecipanti verrà rilasciato attestato e agli studenti universitari verrà riconosciuto un credito formativo. Docenti universitari e importanti relatori si mettono a disposizione per fornire i chiarimenti richiesti anche perché è la natura stessa dell’avvenimento a prevedere la parte più importante proprio nella fase dibattimentale. Ragusa, dunque, al centro dell’attenzione nazionale, scrivendo ancora una volta una pagina economica di avanguardia.