• Articolo , 24 febbraio 2010
  • Il fotovoltaico cilindrico arriva in Italia

  • Il Gruppo Enerqos realizzerà, due tetti fotovoltaici, tra i primi a livello nazionale, con tecnologia Solyndra sui centri commerciali Nova Coop in Piemonte

(Rinnovabili.it) – Sbarcano anche in Italia i moduli fotovoltaici Solyndra, la tecnologia specificatamente progettata per ottimizzare le prestazioni dei sistemi fotovoltaici su tetti commerciali. Le coperture in questione sono quelle di due centri commerciali della catena piemontese Nova Coop, su cui il gruppo ha avviato la realizzazione di due impianti, rispettivamente da 200 kWp e 400 kWp, grazie alla collaborazione di Photovoltaic Systems che seguirà le fasi dell’istallazione.
Tradizionalmente, per una produzione d’energia ottimale, i moduli piatti devono essere montati con una certa inclinazione e distanziati uno dall’altro, e lasciando dunque ragionevoli spazi scoperti. La tecnologia Solyndra permette di aggirare il problema. Gli impianti in questione impiegano moduli cilindrici con una superficie attiva a 360 gradi, capace di diffondere la luce solare e in grado di assicurare prestazioni ottimali se montati orizzontalmente e disposti uno vicino all’altro. Ciò significa ottenere un rendimento più elevato rispetto ai sistemi tradizionali per la medesima superficie. Inoltre, spiega la società, il flusso d’aria naturale tra i moduli permette di ridurre la temperatura di funzionamento migliorandone di conseguenza l’affidabilità. “Sempre più aziende scelgono oggi di dotarsi di un impianto fotovoltaico per ridurre i costi energetici, sfruttando spazi inutilizzati come coperture, capannoni, terreni o parcheggi: gli impianti fotovoltaici industriali rappresentano un’ottima forma d’investimento ed un’enorme risorsa potenziale per la produzione di energia alternativa”, commenta Mauro Marcucci, CEO di Enerqos. “La soluzione Solyndra ci è sembrata la più competitiva per questa specifica applicazione: siamo lieti di poterla utilizzare in queste due prime realizzazioni e speriamo di poterla presto integrare in nuovi impianti su copertura”.