• Articolo , 19 aprile 2010
  • Il futuro del Vietnam sarà rinnovabile

  • Il paese asiatico punta a raggiungere entro il 2020 il 5% di energia elettrica prodotta da fonti pulite. Obiettivo fondamentale: rendere disponibile per tutti l’accesso all’elettricità

(Rinnovabili.it) – Crescono le rinnovabili anche in Vietnam. Entro il 2020, infatti, gli analisti che hanno stilato il _Piano di Sviluppo Nazionale_ della rete elettrica hanno previsto che il tasso di produzione nazionale di energia da fonti pulite salirà di circa il 5%. Esperti e operatori del settore si sono dati appuntamento un mese fa ad Hanoi, per discutere di provvedimenti giuridici, nuove sfide e tecnologie da impiegare per raggiungere questo ambizioso obiettivo, in un seminario promosso dall’Istituto Nazionale di Energia in collaborazione con un gruppo di operatori di Monaco.
Durante il convegno di Hanoi il direttore del centro di energie rinnovabili, Nguyên Duc Cuong, ha sottolineato che l’obiettivo entro il 2020 sarà avere energia elettrica da fonti pulite per *almeno un 5%* sul totale nazionale. “In dieci anni – ha detto – il Vietnam potenzierà tutti i progetti, in particolare quelli che riguardano le regioni più remote del Paese. E questo consentirà a tutti gli abitanti di avere finalmente accesso alla rete elettrica”.
Il vice ministro dell’Industria e del Commercio, Nguyên Thành Biên, ha voluto mettere in evidenza che lo sfruttamento delle energie rinnovabili sarà la sfida più grande del Paese e consentirà di creare a breve numerosi posti di lavoro, rilanciando in particolare l’agricoltura nelle zone rurali. In Vietnam lo sfruttamento delle rinnovabili è diventata una delle priorità attuali del governo. Grandi gli investimenti previsti soprattutto nell’eolico. Wind farm verranno realizzate in particolare nelle provincie centrali di Ninh Thuân e Binh Thuân e secondo le stime del Gruppo Elettrico del Vietnam (EVN) entro il 2020 la produzione di elettricità dal vento sarà di 513.000 MW.