• Articolo , 19 luglio 2011
  • Il governo inglese ha approvato l’Energy National Policy Statements

  • Procedure autorizzative èpiù brevi per i nuovi progetti di sfruttamento delle FER e maggiore attenzione alla produzione di enenrgia verde. Grazie all’approvazione del NPSsi prepara per l’Uk la nuova era delle rinnovabili

(Rinnovabili.it) – Ieri il governo inglese ha approvato l’ *Energy National Policy Statements* (“NPS”:http://www.decc.gov.uk/en/content/cms/meeting_energy/consents_planning/nps_en_infra/nps_en_infra.aspx) che comprende anche i piani per accelerare il processo di pianificazione dei grandi progetti di sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili.
Il ministro dell’Energia Charles Hendry ha infatti affermato infatti che urgenti interventi e miglioramenti a carico delle infrastrutture di alimentazione della Gran Bretagna sono stati necessari per evitare il verificarsi di ripetuti blackout, ricordando in questa occasione ai parlamentari che i grandi progetti hanno bisogno di iter di approvazioni più rapidi in modo da aiutare anche i Ministeri a raggiungere i target antiemissioni fissati e aumentando la contempo le forniture di energia rinnovabile. “Questa è una tappa importante nel programma del governo volto a garantire l’energia a prezzi accessibili”, ha dichiarato il ministro con l’invito da parte del ministro ombra all’energia Huw Irranca-Davies ad esortare il governo affinchè si aumentino i finanziamenti dedicati alla cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).
Ma dal parlamento arrivano anche pareri a favore del nucleare, principalmente espressi dal conservatore Peter Lilley a favore della costruzione di nuove centrali ricordando che le FER non sono sicure in quanto fonti energetiche intermittenti scontrandosi con la leader del partito verde, Caroline Lucas, che ha ribattuto sottolineando la pericolosità dell’energia prodotta dall’atomo e i costi troppo elevati mentre le rinnovabili sono in grado di garantire l’energia senza distruggere il Pianeta.
Grazie alla firma apposta ieri nell’aula dei Commons la Commissione per la Pianificazione delle Infrastrutture potrà da oggi utilizzare il NPS come base per le decisioni circa i nuovi progetti enenrgetici. “Stiamo eliminando l’incertezza per dare all’industria la fiducia necessaria per investire rispondendo al grande bisogno di nuove infrastrutture energetiche in questo paese” ha commentato il ministro dell’Energia.