• Articolo , 19 giugno 2009
  • Il Mercato ortofrutticolo avrà un tetto fotovoltaico

  • «Per Natale Verona avrà il più potente impianto fotovoltaico d’Italia». L’anticipazione, carica di soddisfazione arriva dal presidente di Veronamercato, Riccardo Caccia, che presenterà ufficialmente al pubblico l’iniziativa in tema di energie rinnovabili il prossimo 24 giugno. Da lì a breve, sembra ai primi di luglio, avranno infatti inizio i lavori di copertura del mercato ortofrutticolo, […]

«Per Natale Verona avrà il più potente impianto fotovoltaico d’Italia».
L’anticipazione, carica di soddisfazione arriva dal presidente di Veronamercato, Riccardo Caccia, che presenterà ufficialmente al pubblico l’iniziativa in tema di energie rinnovabili il prossimo 24 giugno. Da lì a breve, sembra ai primi di luglio, avranno infatti inizio i lavori di copertura del mercato ortofrutticolo, all’interno del centro agroalimentare.
Come si apprende da una nota della società, «il consiglio di amministrazione, dopo aver analizzato le opportunità relative alla produzione di energia con fonti rinnovabili e al rientro economico degli investimenti necessari per dare esecutività agli interventi, ha dato avvio ad una gara pubblica con bando europeo».
Oggetto di quest’ultimo: la concessione, in comodato d’uso, a ditte di alta capacità e specializzazione nel settore, della copertura del mercato ortofrutticolo posto all’interno del Centro agroalimentare, per un periodo di vent’anni, su cui realizzare un impianto fotovoltaico.
Il consiglio di amministrazione di Veronamercato ha aggiudicato la gara alla ditta Juwi Energie Rinnovabili srl, con sede a Bolzano, che ha ottenuto il migliore punteggio sulla base di una propria proposta, in ordine alle caratteristiche qualitative dell’impianto e all’offerta economica. Per la rilevante produzione di energia elettrica conseguente all’installazione dei pannelli sarà la ditta Juwi a gestire direttamente la struttura, mentre Veronamercato percepirà un canone annuo di concessione.
Come diretta conseguenza dell’installazione ogni chilowattora prodotto dal sistema fotovoltaico eviterà l’emissione di 0,5 chili di anidride carbonica, tra i principali responsabili dell’effetto serra. Secondo calcoli fatti, l’impianto, una volta attivato, consentirà di evitare l’emissione in atmosfera di 915 tonnellate di anidride carbonica l’anno. Prendendo a riferimento il consumo medio di una famiglia italiana di 3.500 chilowattora l’anno, l’impianto realizzato consentirebbe l’autosufficienza elettrica di 522 famiglie.
«L’impianto, su unico tetto, dai dati reperiti dal Gse, sarà ai primi posti per potenza elettrica prodotta, a livello nazionale e sicuramente al primo nel nord Italia», afferma Paolo Merci, direttore generale di Veronamercato e aggiunge: «L’iniziativa del fotovoltaico sul tetto del Mercato si pone come ulteriore punto di forza del centro, che occupa ogni giorno una media di circa tremila addetti. Il successo non riguarda solo l’attività distributiva dei prodotti, ma tiene in considerazione l’attenzione all’ambiente sommandosi all’altro importante risultato relativo alla raccolta differenziata dei rifiuti». Veronamercato, con i suoi operatori concessionari e col supporto operativo di Amia spa, detiene il primato nazionale dell’86,5 per cento di differenziazione conseguita nell’anno 2008.
(Elisa Costanzo)