• Articolo , 29 aprile 2009
  • Il Piano energetico e ambientale regionale lucano punta all’efficienza

  • Il Piano energetico e ambientale regionale della Basilicata punta sulla combinazione fonti rinnovabili ed efficienza energetica in edilizia. Lo ha annunciato il vice presidente della giunta, Vincenzo Santochirico. “La nuova programmazione energetica ruoterà intorno a tre macro-obiettivi: la promozione dell’autoproduzione, diretta soprattutto alle piccole e medie imprese e alle aziende agricole per soddisfare il fabbisogno […]

Il Piano energetico e ambientale regionale della Basilicata punta sulla combinazione fonti rinnovabili ed efficienza energetica in edilizia.
Lo ha annunciato il vice presidente della giunta, Vincenzo Santochirico. “La nuova programmazione energetica ruoterà intorno a tre macro-obiettivi: la promozione dell’autoproduzione, diretta soprattutto alle piccole e medie imprese e alle aziende agricole per soddisfare il fabbisogno energetico; il ricorso alle sole fonti rinnovabili per l’incremento della produzione di energia elettrica rivolta al mercato; infine, la riduzione del consumi e della bolletta energetica – ha spiegato Santochirico. – Quest’ultimo obiettivo, coerente con quello fissato dall’Europa di ridurre del 20 per cento la domanda di energia entro il 2020, sarà perseguito attraverso una decisa politica di efficientamento del patrimonio edilizio pubblico e privato”, ha concluso.
A rendere più “verde” ed efficiente l’edilizia pubblica provvederà essenzialmente la Società energetica lucana; il lavoro sul patrimonio edilizio privato, invece, “richiederà un intervento da protagonisti degli enti locali e dei privati”, ha detto il vice presidente. In particolare, il piano prevede, da parte della Regione, incentivi per l’adozione di standard elevati di efficienza per la realizzazione di nuovi edifici e per la ristrutturazione di quelli esistenti, attraverso specifiche norme che introducono bonus volumetrici ed economici.