• Articolo , 26 gennaio 2008
  • Il primo tetto solare di Termoli: sta sulla casa di un sacerdote

  • La prima copertura fotovoltaica della città è stata attivata in questi giorni in via del Molinello n. 163. Darà riscaldamento ed energia a due appartamenti di 150 metri quadri. 37mila euro il costo, che si ammortizza in otto anni. Dopo, solo guadagno. Pronti in città altri sette contratti per i pannelli solari su alcune villette

Strano, ma vero: il pioniere del fotovoltaico civile a Termoli non è un ingegnere illuminato, e nemmeno un ecologista convinto. E’, invece, un prete. Don Renato Grecu, proprietario di uno stabile a tre piani in via del Molinello n. 163, è il primo cittadino che si dota di un tetto capace di generare energie elettrica sfruttando la luce del sole. «La sua scelta si basa sul desiderio di fare una cosa ecologia e pulita» dice Riccardo Mastroiacovo di Enersolare Molise, la società di consulenza, progettazione, vendita, installazione e assistenza di sistemi solari con sede a Termoli, nata solo due anni fa, quando il Governo Prodi ha lanciato il “Conto Energia”, cioè gli incentivi alla realizzazione di pannelli fotovoltaici ‘residenziali’.

Quello di via del Molinello è il primo tetto ad energia solare di Termoli. Si estende per 41 metri quadrati e ha una potenza di 5,25 kw, equivalente a circa il doppio dei kilowatt che normalmente l’Enel fornisce con il contratto domestico. Basta e avanza al fabbisogno di due appartamenti di 150 metri quadri ognuno, come quelli dell’abitazione in questione, e il surplus energetico si immette nella rete nazionale e si vende. L’impianto azzera il costo della bolletta Enel: non solo, fa funzionare i vari elettrodomestici presenti in casa e consente al proprietario di eliminare del tutto i termosifoni grazie al sistema di riscaldamento (e raffreddamento) elettrico.
E’ costato circa 37mila euro ma, assicura la società termolese affiliata con la nota ditta tedesca Donauer, «è una spesa che si ammortizza in otto anni». Considerando che gli incentivi statali sono ventennali, cioè per venti anni lo stato paga 0,42 euro per ogni chilowatt prodotto in maniera ecologico, dal nono al ventesimo anno sono solo guadagni: niente bolletta da pagare e in più incentivi economici proporzionali all’energia prodotta in casa.

Economia a parte, ci sono i benefici ambientali. «La scelta dell’impianto è stata determinata dalla volontà di contribuire alla diffusione delle tecnologie ad energia alternativa che riducono le emissioni inquinanti nell’atmosfera e dalla opportunità offerta dallo Stato di ottenere l’indipendenza energetica» spiegano dalla Enersolare Molise, che si occupa di tutto, dal contratto preliminare alle pratiche burocratiche, e che in 4 mesi consegna l’impianto ‘chiavi in mano’ al proprietario. Altri sette contratti sono già stati firmati a Termoli, da parte di proprietari di abitazioni che hanno scelto di prodursi da soli l’energia col duplice vantaggio di diventare autosuffcienti ed ecologisti.

Il tetto di via del Molinello è costituito da 30 moduli fotovoltaici da 175watt ciascuno. La produzione è garantita per 25 anni con un rendimento dell’80 per cento, la durata dell’impianto è stimata intorno ai 35-40 anni. L’impianto evita l’emissione in atmosfera di 3 tonnellate di CO2 in un anno, e di 105 tonnellate in 35 anni. Visti i benefici, in termini di ambiente, ci permettiamo di pubblicare i referenti telefonici della ditta, casomai altri cittadini volessero prendere informazioni sui costi e i vantaggi dei tetti solari: 0875-714023, 0875-755561 oppure 338-4524348.