• Articolo , 12 maggio 2011
  • Il progetto tunisino per promuovere l’eolico

  • L’Anme, l’UNDP e il FMA insieme per migliorare il know how e favorire gli investimenti degli operatori privati

(Rinnovabili.it) – Un progetto che coinvolge l’Agenzia per il risparmio dell’energia (Anme), il programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) e il Fondo Mondiale per l’Ambiente. L’obiettivo? Promuovere le energie rinnovabili in Tunisia, in particolare l’eolico. Il progetto “Sviluppo per il settore privato dell’energia eolica collegata alla rete in Tunisia”, infatti, pare intenzionato a voler facilitare le condizioni di investimento dei privati operatori tunisini sia attraverso la creazione di un quadro regolatorio e istituzionale favorevole alla crescita delle energie rinnovabili, sia attraverso un potenziamento delle competenze e delle capacità tecniche dei soggetti interessati, quali imprese e industrie locali, studi di consulenza, banche commerciali, istituti di ricerca e scuole superiori. Una gran bella manovra a favore di uno sviluppo sostenibile che migliorerà anche il know how locale e le abilità necessarie all’implementazione del progetto stesso. A questo proposito, l’Anme ha voluto lanciare un programma di formazione specifico della durata di nove mesi, incentrato proprio sugli aspetti tecnici, regolamentari, economici e finanziari, necessari allo sviluppo dell’eolico in Tunisia.