• Articolo , 9 giugno 2010
  • Il solare termodinamico più grande al mondo sbarca negli Emirati Arabi

  • Formalizzato l’accordo tra la compagnia energetica nazionale Masdar, Total e Abengoa Solar per la costruzione nelle vicinanze di Abu Dhabi dell’impianto solare termodinamico più grande del mondo, con una potenza istallata pari a 100MW

(Rinnovabili.it) – Abu Dhabi continua a collezionare un eco-record dopo l’altro. Dopo la costruzione di Masdar City, una “città nella città” a zero emissioni, e l’approvazione di “nuovi codici”:http://www.rinnovabili.it/ediliza-green-per-abu-dhabi-nuovo-paradiso-rinnovabile595556 per l’edilizia verde, questa volta si candida a diventare la città che ospiterà la centrale solare termodinamica più grande del mondo. Un impianto che verrà realizzato grazie alla collaborazione della società petrolifera francese Total e della spagnola Abengoa Solar che saranno partner della società operante nel settore delle energie non convenzionali di Abu Dhabi, Masdar in un consorzio creato ad hoc per costruire l’impianto dei record Shams 1, il primo di questo genere in Medio Oriente. “Ci stiamo muovendo sulla strada giusta per rendere Abu Dhabi la fonte principale e la capitale internazionale delle energie rinnovabili e sviluppo sostenibile” ha sottolineato l’amministratore delegato di Masdar, Sultan al-Jaber.
L’impianto, che sarà realizzato a partire dall’autunno di quest’anno e sarà completato al massimo entro due anni, consentirà di compensare circa 170 mila tonnellate di anidride carbonica ogni anno e coprirà un’area di circa 2,5 chilometri quadrati, con una capacità istallata pari a circa 100 MW. L’impianto sarà situato nella zona di Madinat Zayed, a circa 120 chilometri a sud-ovest di Abu Dhabi e il suo costo totale dovrebbe essere pari a circa 504,2 milioni di euro (600 milioni di dollari), secondo quanto ha dichiarato lo stesso project manager Mohammed al-Zaabi. La società Masdar avrà una partecipazione del 60% nel progetto, mentre Total e Abengoa Solar parteciperanno ognuna con una quota del 20%. “E’ la prima volta che negli Emirati Arabi Uniti siamo in grado di fornire significative quantità di energia non basandoci sui combustibili fossili” ha voluto ricordare Nicholas Carter, capo dell’ Abu Dhabi Regulation and Supervision Bureau, che regolamenta i settori dell’acqua e dell’elettricità. Per Abengoa Solar una nuova avventura dopo la realizzazione di quattro impianti CSP (Concentrated solar power) in Spagna, e la costruzione di altri siti in Spagna, Nord Africa e Stati Uniti.