• Articolo , 12 gennaio 2010
  • Immaginare una città su due ruote

  • FIAB e il progetto “Bimbimbici” lanciano, come ogni anno in parallelo alla pedalata cittadina (giunta alla sua undicesima edizione, riservata ai bambini fino agli 11 anni e in agenda la prima domenica di maggio), anche un concorso nazionale di disegno sul tema “La mia città in bici: com’è adesso, come vorrei fosse domani”: rivolto agli […]

FIAB e il progetto “Bimbimbici” lanciano, come ogni anno in parallelo alla pedalata cittadina (giunta alla sua undicesima edizione, riservata ai bambini fino agli 11 anni e in agenda la prima domenica di maggio), anche un concorso nazionale di disegno sul tema “La mia città in bici: com’è adesso, come vorrei fosse domani”: rivolto agli alunni delle scuole dell’infanzia e delle scuole elementari di tutta Italia, il progetto mira a stimolare la riflessione sulle alternative di mobilità sostenibile facendo educazione ambientale attraverso il “reagente” del linguaggio creativo. Cosa si deve cambiare per rendere la città più vivibile e a misura dei più piccoli? 35mila gli elaborati pervenuti agli organizzatori nella scorsa edizione.

I ragazzi sono esortati infatti a produrre un elaborato sulle ali della fantasia, immaginando di muoversi in bici tra le vie e gli angoli della propria città, per giocare o per andare a scuola, per riconfigurare, almeno con l’immaginazione, gli spazi e l’identità di luoghi pubblici troppo spesso trascurati o mal vissuti. Attraverso i disegni avranno quindi la possibilità di dare forma alla loro città ideale, mettendo allo stesso tempo in luce le difficoltà e gli ostacoli che si incontrano nel percorrere le strade cittadine e formulando le eventuali proposte per rendere la città più vivibile e più a misura di “due ruote”.

L’obiettivo di fondo, coerentemente con la filosofia che anima l’intero progetto “Bimbimbici”, consiste nella volontà di educare i bambini all’uso della bicicletta e di riaffermare il tema della sicurezza dei più piccoli negli spostamenti quotidiani, coinvolgendo anche il mondo delle scuole attraverso l’attivazione di specifici percorsi didattici durante tutto l’anno scolastico.

L´adesione al concorso è gratuita, possono partecipare Istituti scolastici, Comuni ed associazioni. I disegni possono essere realizzati individualmente o in classi (saranno selezionati dei vincitori per entrambe le categorie) e utilizzando la tecnica artistica preferita (disegno con pastelli, pennarelli, a cera, a tempera, in bianco e nero, etc.). Sul retro di ogni disegno va applicato il talloncino compilato negli appositi spazi.

C’è tempo fino al 30 aprile per aderire. I disegni dovranno essere raccolti dagli enti organizzatori del concorso, che avranno il compito di selezionare localmente i migliori elaborati (massimo 3 disegni) e spedirli entro e non oltre il 31 maggio 2010 in busta chiusa alla segreteria organizzativa di Bimbimbici al seguente indirizzo:

Achab Group
Via E. Ferrari, 15
30037 Scorzè (Ve).