• Articolo , 12 aprile 2007
  • Imola: Nuova centrale di cogenerazione

  • Stamattina la provincia di Bologna ha rilasciato l’autorizzazione integrata ambientale per la costruzione di una centrale di cogenerazione ad alto rendimento

Il progetto, presentato dalla Hera, prevede un impianto da 80 MW a metano, che produrrà energia elettrica e termica: la prima immessa in rete e la seconda distribuita a Imola attraverso il teleriscaldamento.
Il progetto, superata la Valutazione di impatto ambientale del ministero dell’Ambiente, passa all’esame della Regione, per la definitiva autorizzazione energetica.
“Dopo il via al Parco Eolico – ha commentato l’assessore all’Ambiente Emanuele Burgin – questa autorizzazione rappresenta un ulteriore mattone della politica della Provincia sulla strada di Kyoto. È da sottolineare, infatti, come la cogenerazione ad alto rendimento da metano sia considerata assimilata alle fonti rinnovabili e largamente utilizzata in tutta Europa come la tecnologia più matura per raggiungere gli obiettivi imposti dal Protocollo di Kyoto. L’autorizzazione che oggi rilasciamo rappresenta la risposta positiva a un impianto tecnologicamente avanzato che migliora l’efficienza energetica e consente di risparmiare CO2 “.
Le emissioni di ossidi di azoto saranno ridotte del 70% rispetto ai limiti di legge, mentre per quanto riguarda le emissioni di PM10, non ancora soggette ad alcuna normativa specifica, per la prima volta in Italia per questo tipo di impianti a metano è stato previsto un ambizioso obiettivo di addirittura 1 mg/Nmc. (fonte Modena2000.com)