• Articolo , 12 dicembre 2007
  • Imprese italiane interessate al settore energetico della Romania

  • Il Ministro per il Commercio Estero, Emma Bonino, nel corso di una conferenza stampa, a margine dei colloqui con il Ministro delle Finanze rumeno Varujan Vosganian, ha affermato che le aziende italiane sono interessate ad investire in tecnologie innovative in Romania nei settori dell´energia e delle infrastrutture. Enel, Ansaldo e Terna, sono le compagnie che […]

Il Ministro per il Commercio Estero, Emma Bonino, nel corso di una conferenza stampa, a margine dei colloqui con il Ministro delle Finanze rumeno Varujan Vosganian, ha affermato che le aziende italiane sono interessate ad investire in tecnologie innovative in Romania nei settori dell´energia e delle infrastrutture. Enel, Ansaldo e Terna, sono le compagnie che stanno sviluppando intense relazioni commerciali con il mercato interno rumeno; in particolare il comparto energetico è mosso anche dalle normative europee che prevedono la quota del 20% prodotta da fonti rinnovabili. E’ stata firmata una dichiarazione congiunta per una cooperazione bilaterale per lo sviluppo di nuovi progetti, che solo quest’anno ha impegnato circa 12 miliardi di euro (Fonte Nin’ o Clock).