• Articolo , 12 maggio 2010
  • In Arabia Saudita la prima pietra della “città rinnovabile”

  • Re Abdullah ha dato il via libera al piano di sviluppo per la costruzione di una cittadina che sarà alimentata solo a energia pulita. Sarà il centro di studio più importante della nazione per lo sviluppo di progetti di ricerca su energia pulita e ambiente

(Rinnovabili.it) – L’Arabia Saudita scommette sul futuro pulito della sua nazione e sta per costruire la prima città completamente rinnovabile della sua storia. Un segnale molto importante per un paese la cui economia gira quasi esclusivamente sul greggio e che ora sembra essersi quasi convertito all’energia pulita. Il piano di costruzione della _KACARE, la King Abdullah City for Atomic and Renewable Energy_ , è stato autorizzato da un decreto dello scorso aprile firmato da re Abdullah. La città rinnovabile sorgerà nelle vicinanze della capitale, Riyadh, e sarà la base logistica e scientifica in cui i ricercatori sauditi potranno sviluppare tutte le ricerche sulle energie pulite e coordinare gli studi sulla politica energetica nazionale.
L’annuncio della creazione della città rinnovabile è stato dato esattamente sei mesi dopo l’inaugurazione della _King Abdullah University of Science and Technology (KAUST)_ , un centro di ricerca, costruito grazie a finanziamenti multimiliardari, in cui la maggior parte delle attività di studio sono concentrate su energia e ambiente. L’iniziativa è stata finanziata direttamente dal re saudita che sta investendo molto nello sviluppo di tecnologie sostenibili a servizio della sua nazione. Con il progetto KACARE, re Abdullah vuole infatti creare il centro più specializzato che la sua nazione abbia mai avuto per sviluppare la ricerca su tutte le altre fonti naturali del paese, oltre al petrolio.