• Articolo , 21 giugno 2010
  • In Spagna -2,52 mln di tonnellate di CO2 grazie al trasporto pubblico

  • I cittadini preferiscono il trasporto pubblico e le emissioni scendono. I dati raccolti dall’Observatorio de la Movilidad Metropolitana su 23 milioni di persone rivelano una tendenza agli eco-spostamenti in crescita, a tutto vantaggio dell’ambiente

(Rinnovabili.it) – Utilizzare i mezzi pubblici fa bene all’ambiente. Questo si sapeva, ma a confermarlo sono i dati del rapporto sul trasporto pubblico spagnolo, meritevole di aver permesso il risparmio di 2,52 milioni di tonnellate di CO2 nel 2008. Il successo è stato reso possibile grazie ai 3,247 milioni di viaggi effettuati sfruttando le potenzialità del trasporto pubblico di cui 1,527 milioni di spostamenti in autobus e 1,720 milioni in treno. I dati, contenuti nel rapporto dell’ “Observatorio de la Movilidad Metropolitana”:http://www.transyt.upm.es/index.php (OMM), sono stati presentati a Murcia in occasione della VII Giornata Tecnica sul trasporto.
Lo studio è stato completato seguendo le dinamiche di ben 21 aree della Spagna in cui gravitano circa 23 milioni di persone, ossia la metà dell’intera popolazione spagnola, dando un quadro molto realistico di quella che è la situazione del trasporto in tutta la penisola, come sottolineato dal Ministero dell’Ambiente e degli Affari Rurali e Marini (MARM).
Nonostante il mezzo preferito sia l’automobile, sia per gli spostamenti privati sia per raggiungere il posto di lavoro, si è scoperto che nelle grandi città, come Madrid e Barcellona, la percentuale di chi utilizza l’auto privata per raggiungere il lavoro è inferiore rispetto agli abitanti dei centri minori dove più del 60% degli abitanti si mette alla guida di una quattro ruote. L’uso del trasporto pubblico raggiunge quindi importanti percentuali: il 40% a Madrid e il 28% a Barcellona mentre chi si muove a piedi oscilla tra il 15 e il 33% della popolazione. In caso gli spostamenti non derivino da esigenze lavorative, il trasporto pubblico sembra essere la soluzione preferita grazie alla quale si devono i successi che vedono oltre alla riduzione della percentuale di CO2 emessa anche una diminuzione in termini di NO2, PMx, O3, sostanze altamente dannose per la salute.