• Articolo , 24 aprile 2009
  • Inaugurato il fotovoltaico della chiesa di piazza Giotto con Bassetti e Fanfani

  • Le massime autorità cittadine hanno presenziato questo pomeriggio all’inaugurazione dell’impianto fotovoltaico che ormai copre metà del tetto della chiesa del Sacro Cuore di Arezzo (piazza Giotto). Il Vescovo Bassetti e il sindaco Fanfani hanno avuto parole di elogio per l’iniziativa voluta tenacemente dal parroco Don Angelo Chiasserini, alla quale hanno collaborato attivamente alcuni parrocchiani, grazie […]

Le massime autorità cittadine hanno presenziato questo pomeriggio all’inaugurazione dell’impianto fotovoltaico che ormai copre metà del tetto della chiesa del Sacro Cuore di Arezzo (piazza Giotto). Il Vescovo Bassetti e il sindaco Fanfani hanno avuto parole di elogio per l’iniziativa voluta tenacemente dal parroco Don Angelo Chiasserini, alla quale hanno collaborato attivamente alcuni parrocchiani, grazie in particolare alla loro esperienza nel campo. Proprio il Dott. Leonardo Nocentini ha introdotto la cerimonia di inaugurazione, soffermandosi sull’importanza che da tempo la Chiesa pone sui temi quali la salvaguardia del Creato. “L’utilizzo sostenibile delle risorse – ha detto Nocentini – è un principio laico che guida anche i cristiani, a cui è affidato l’intero Creato fin dai libro della Genesi. Siamo qui per promuovere uno stile di vita sobrio e questo impianto ne è una testimonianza, in linea con i principi che hanno sempre ispirato questa parrocchia e che ad esempio ispirano il gruppo scout che qui ha tanti iscritti ogni anno”.
Ingegnere, capo scout e parrocchiano, Michele Isacchi ha seguito con passione i lavori fin dal primo momento “vista anche la crisi economica, la mia formazione personale mi ha indotto ad alzarmi, rimboccarmi le maniche e mettermi al lavoro, come in questo caso – dice Isacchi – L’impianto da 18 kw è realizzato con tecnologia innovativa. Abbiamo cercato quella che meglio si sposava con l’architettura della chiesa di piazza Giotto, grazie anche alla preziosa consulenza dell’Ing. Schiatti. Il secondo progetto per il riscaldamento dell’acqua è già appaltato e sarà pronto a breve, sempre realizzato secondo le linee guida che hanno ispirato la prima parte di lavori, cioè massima sicurezza per gli operai e per chi farà la manutenzione. Vorrei infine sottolineare la valenza didattica che potrà avere questo progetto per le future generazioni”.
Apprezzamento espresso anche dall’Assessore provinciale Andrea Cutini, che ha sottolineato come “l’impianto inaugurato oggi non sia solo un bell’esempio del potenziamento delle energie rinnovabili, ma anche un aumento dell’efficienza energetica dei nostri edifici cittadini”.
Il sindaco Fanfani ha ringraziato “Don Angelo, al quale sono legato da tantissimi anni di amicizia, per l’esempio di grande civiltà che ha dato alla città di Arezzo.Continua così nell’operato della Chiesa che da sempre si pone l’obiettivo, riuscendoci, di fornire esempi positivi alla società”.
Infine il Vescovo ha ricordato come “nella visita pastorale svolta in un’azienda nel Valdarno che produce tecnologia adatta agli impianti fotovoltaici ho trovato l’impegno ad assumere nuovi operai, segno che la crisi si può vincere e la Chiesa guarda in questa direzione concretamente”.
(Luca Salvadori)