• Articolo , 4 aprile 2009
  • Inaugurato impianto biogas di Podenzano

  • L’assessore regionale all’agricoltura Rabboni: “Tante inaugurazioni come questa in tutta l’Emilia-Romagna per dare alle aziende agricole una fonte di reddito integrativa”

L’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni, il presidente di Enia Andrea Allodi e il presidente dell’Azienda sperimentale Vittorio Tadini, Pierangelo Romersi, hanno inaugurato il nuovo impianto di produzione di biogas dedicato alla produzione di energia elettrica a Garida di Podenzano, nel Piacentino. Si tratta di un investimento da 600.000 euro che darà 650MWh di energia elettrica l’anno (fabbisogno di 150 famiglie) evitando il consumo di 50 tonnellate di petrolio equivalenti.
L’impianto è stato realizzato da un pool di imprese coordinate da Enia Progetti: “Siamo una ecoutility – ha affermato Allodi – e il tema delle energie rinnovabili sarà uno dei filoni anche nella logica di aggregazione tra Iride e Enia”. Rabboni ha detto di sperare in “tante inaugurazioni come questa in tutta l’Emilia-Romagna per dare alle aziende agricole una fonte di reddito integrativa e per mitigare gli effetti delle politiche ambientali sui liquami “. Non c’é solo l’energia elettrica che sfrutta a Podenzano il 35% delle potenzialità della biomassa prodotta dall’azienda agricola Tadini. Ad esempio, si possono immaginare anche produzioni di metano per autotrazione. L’impianto inaugurato nel piacentino è stato realizaato dalla Società agricola Vittorio Tadini e da Enia con il contributo della Regione. Rabboni ha inaugurato anche il nuovo ristorante didattico inserito nel centro La Faggiola che ospita già un punto vendita di prodotti tipici piacentini: agricoltura e turismo possono convivere e creare sinergie virtuose.