• Articolo , 21 ottobre 2009
  • India-Cina: a Copenaghen posizione comune per il clima

  • I Ministri dell’Ambiente indiano e cinese fanno le prove generali per definire le ultime posizioni sui cambiamenti climatici che verranno presentate a Copenaghen

(Rinnovabili.it) – La Ians Agency indiana ha pubblicato l’ultimo comunicato che vede al centro dell’attenzione Cina e India e la costituzione del patto che le unisce sull’indirizzo da acquisire nei confronti dei cambiamenti climatici. Oggi infatti a Nuova Delhi i due Paesi emergenti hanno firmato un contratto che sancisce e stabilizza condivise “posizioni negoziali” in vista di Copenaghen, alla presenza dei due Ministri per l’Ambiente Indiano e Cinese, Jairam Ramesh e Xie Zhenhua.
Ramesh ha largamente sottolineato che gran parte degli sforzi per combattere il riscaldamento globale siano compito dei Paesi industrializzati, essendo questi per primi i responsabili delle trasformazioni climatiche che il mondo intero e soprattutto le zone più povere e sottosviluppate da molto, troppo tempo, subiscono. Un messaggio preciso, che l’India ha intenzione di portare avanti attraverso la collaborazione con la Cina con la quale avrà nuovamente occasione di incontrarsi e definire gli ultimi dettagli sulle disposizioni strategiche che verranno presentate alla Commissione nell’incontro di Dicembre in Danimarca. Efficienza economica, dei trasporti, sviluppo delle tecnologie energetiche e agricoltura sostenibile: questi i temi caldi dell’incontro di stamane. E’ necessario chiarire e rendere più incisive le trattative politiche di tutela ambientale e di riduzione degli inquinamenti, ha accertato Ramesh, che ha però ribadito: ”non vogliamo limitare gli interessi e le possibilità dei paesi in via di sviluppo”, riuniti nel Gruppo dei 77.